tori spelling chiede 95 dollari per parlare in videochat coi fan, e la rete la lincia

A quanto pare alla fine Donna Martin non solo si è diplomata, ma si è anche laureata all’Università della vita ed è diventata imprenditrice presso se stessa! Questa volta però Tori Spelling ha fatto male i conti, perché nemmeno l’ultima del cast di Beverly Hills che le rivolge la parola, Jennie Garth, è intervenuta per difenderla. In un video poi prontamente cancellato, Donna ha lanciato quest’oggi un grande appuntamento per l’indomani, ed è qui che cominciano i problemi. Proprio come tante altre star si sarebbe fatta vedere in diretta online per fare due chiacchiere da quarantena col proprio pubblico, ma con un twist: ha chiesto 95 dollari a cranio, per un massimo di venti fortunatissimi fan. Attenzione, però! La videochat sarebbe stata individuale, e con tanto di possibilità di fare selfie virtuali e scaricare il video alla fine della conversazione. Ok, se vi siete già persi sono con voi. Che cos’è un selfie virtuale? Ma soprattutto, Tori Spelling è convinta di avere dei fan?

Capirete che sentirsi battere quasi cento dollari da Donna Martin (o quello che ne rimane) per parlare con lei nel bel mezzo di una pandemia ha fatto un attimo infuocare gli animi, ed è stato allora che i “fan” le si sono rivoltati contro manco fossero un branco di Valerie Malone imbufalite! Magari sarebbe stato sufficiente ignorarla e lasciarla l’indomani a premere ctrl + F5 nel dubbio che l’assenza di richieste fosse un problema tecnico, e invece è stata talmente tanto subissata di critiche da essere costretta a cancellare il post e con esso l’evento. Non solo: Tori è rimasta talmente sconvolta dai giudizi negativi che suo marito, Dean McDermott, ha deciso di intervenire per difendere quella volpe della sua sposa.

Visualizza questo post su Instagram

Watch this video. Nuff said. @torispelling

Un post condiviso da Dean McDermott (@imdeanmcdermott) in data:

In un improbabile sequel di “Donna Martin diplomata”, quindi, Dean sostiene che Tori voleva solo portare “un po’ di leggerezza, ironia e svago ai fan durante un periodo estremamente difficile”. E continua: “Ma siccome si tratta di lei, ecco che tutti gli hater hanno deciso di darle contro. Che cosa c’è di male nel voler fare qualcosa per i propri fan e allo stesso tempo provvedere ai bisogni della propria famiglia? Tutti gli studios sono chiusi in questo momento, Tori non ha modo di lavorare. Che cosa c’è di male?”. Dean, cuore. Gli studios abbasserebbero le serrande alla vista di Tori anche se fossimo in un aprile qualsiasi, eh.

Va anche detto che la Tori se la passa maluccio da un bel po’. Non solo il reboot di Beverly Hills 90210 è stato un tonfo epocale, ma negli ultimi anni la American Express l’ha citata in giudizio due volte per uno scoperto di 38 mila dollari prima e 88 mila poi. E così la City National Bank, per la mancata restituzione di un debito. Non solo: Dean e Tori devono 282 mila dollari in tasse allo Stato della California. Alla fine, ‘sti due spicci dalle tasche di chi proprio non voleva tenerseli potevano anche farglieli avere. Poi però questi geni li volevo vedere in faccia pure io, uno per uno. Gratis.

condividi

Di popslut

Il neologismo puttan-pop nasce con popslut, e qui trova la sua teorizzazione e il suo osservatorio privilegiato. Con puttan-pop si intende quella branca del pop, inteso come showbiz (quindi musica, cinema e qualsiasi altro tipo di arte) che ha tra i suoi ingredienti il culto del personaggio e qualsiasi forma di sgualdrinaggine, reale o simulata, come ingrediente e veicolo. Il puttan-pop non è solo questione di musica, ma anche e soprattutto quello che ci gira intorno: una sgualdrina pop (donna o uomo che sia) è un mondo a parte fatto di video musicali, servizi fotografici, fan impazziti, e soprattutto gossip. I tabloid contemporanei sono un po’ quello che erano i boia ai tempi delle esecuzioni capitali sulla pubblica piazza: sacrificano queste star pop per il divertimento del popolo, sbattendo la loro vita privata in copertina, spesso diventando complici del loro successo. Il tutto è talmente imputtanito che spesso le vittime si alleano coi carnefici, facendo dei pettegolezzi che le riguardano uno stratagemma per non finire nel dimenticatoio.

error: Il contenuto è protetto dalla copia.