Connect with us

Che cosa stai cercando?

Speciale

911: tutti i riferimenti, le citazioni e i dettagli nel minifilm di lady gaga

Condividi

Finalmente è successo: tempo due video e una performance, Lady Germanotta ha accannato l’estetica anime sci-fi del pianeta Chromatica ed è tornata in full mood “I’m an Artist”, regalandoci un video concettuale e ispirato che ha senz’altro reso Marina Abramovic fiera di lei come quando strillavano insieme nei boschi. Io, francamente, non restavo colpito così da un video da un bel po’ di tempo: non solo la canzone è la mia preferita di tutto l’album, ma il clip è un fottutissimo capolavoro.

Tuttavia, quando oggi, domani e nei prossimi giorni vi troverete a commentare con gli amici il nuovo video di Gaga, vi servirà qualcosa di più di “era tutto un sogno” o “ha copiato Bedtime Story di Madonna”, ma non vi preoccupate: ci sono qua io per farvi fare bella figura e sviscerare la cascata di citazioni, riferimenti, collegamenti e bizzarrie di questo lavoro. In primis, il “minifilm” di 911 è stato realizzato dalla Stefani col regista Tarsem Singh, che ha iniziato la sua carriera dai film musicali (Losing My Religion dei REM, non robetta) passando poi all’iconico e visionario The Cell con J.Lo e il Biancaneve con Julia Roberts, giusto per citarne due.

Singh torna ai video musicali dopo 26 anni per una ragione: mettere in scena l’omaggio definitivo a Il colore del melograno di Sergej Iosifovič Paradžanov, del 1969. Il film sovietico, che ancora oggi nei circoli cinofili più spocchiosi è considerato uno dei lungometraggi migliori della storia, è quello più citato nel video di 911. Le similitudini sono visive e concettuali, e alcune inquadrature sono riprese in modo piuttosto diretto.

Il film, come potete intuire anche dal trailer, è piuttosto criptico e con pochissimi dialoghi, e parla della vita del poeta del diciottesimo secolo Sayat-Nova. Ma è solamente una delle numerose citazioni cinematografiche che Lady Chromatica e Singh hanno infilato in 911. Anche il western del 1970 El Topo di Alejandro Jodorowsky è una grande fonte di ispirazione, così come La montagna sacra sempre dello stesso regista, Otto e mezzo di Fellini e anche un pizzico di The Cell con il premio Oscar Jennifer Lopez. Il video contiene pure citazioni letterarie, già dal testo della canzone che come già sappiamo da Gaga parla di antipsicotici e salute mentale: “Keep my dolls inside diamond boxes” è una citazione diretta di La valle delle bambole, romanzo di Jacqueline Susann (con relativo film di Mark Robson) dove le bambole sono le pillole.

Per il resto, il video esplode in un crescendo di surrealismo fino a rivelare il twist finale: tutto succede nella testa di Stefani che ha avuto un incidente mentre se ne andava in bici a (o stava tornando da?) un leggerissimo festival di cinema armeno. Gli elementi della realtà diventano la visione pre-morte con ritorno di Gaga, compresa la marchetta ai televisori LG. Più in generale, il concetto interessante è il punto di vista sul modo in cui il cervello può distorcere le cose all’interno (e all’esterno) della mente. Nell’ultima parte del video, sogno e realtà si fondono svelando i misteri del viaggio surreale di Lady Chromatica.

E per quanto riguarda il fashion? Manco a parlarne, Gaga si è divertita come una bambina in un negozio di caramelle e ha lavorato a una serie di costumi creati ad hoc insieme con l’inseparabile Nicola Formichetti e la stilista Marta del Rio. Costoro hanno chiamato alla corte della Haus of Gaga una serie di nuovi designer per creare i look onirici del video: Johannes Warne (il vestito di apertura), Diego Montoya (il vestito trasparente), Karina Akopyan (top e gonna rossi), i cappelli folli di Lance Moore. E alla fine, c’è anche un Alexander McQueen quando Gaga sta per risvegliarsi dalla sua visione. Per tutti i dettagli, potete leggere un interessante articolo di Vogue a riguardo.

Insomma, per quanto mi riguarda un dieci e lode a Gaga e a tutta la baracca per aver tirato fuori un video intelligente, visivamente eccezionale, pieno di significati e citazioni e persino zero palloso. I tempi in cui Gaga si reputava in grado di fare tutto da sola e partorire disastri come i centosedici minuti del video di Marry The Night sono decisamente passati, e ora lo possiamo dire senza riserve: “She’s an Artist”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

This short film is very personal to me, my experience with mental health and the way reality and dreams can interconnect to form heroes within us and all around us. I’d like to thank my director/filmmaker Tarsem for sharing a 25 year old idea he had with me because my life story spoke so much to him. I’d like to thank Haus of Gaga for being strong for me when I wasn’t, and the crew for making this short film safely during this pandemic without anyone getting sick. It’s been years since I felt so alive in my creativity to make together what we did with “911”. Thank you @Bloodpop for taking a leap of faith with me to produce a record that hides in nothing but the truth. Finally, thank you little monsters. I’m awake now, I can see you, I can feel you, thank you for believing in me when I was very afraid. Something that was once my real life everyday is now a film, a true story that is now the past and not the present. It’s the poetry of pain.

Un post condiviso da Lady Gaga (@ladygaga) in data:

Commenti

Archivio

Facebook

Instagram

Potrebbero piacerti anche

Celeb

C’è chi usa la carta forno, chi una sciarpa, chi addirittura la maschera di Buzz Lightyear. E poi c’è Sam Asghari, il Santo Consorte,...

Speciale

È proprio vero: quanto più credi di essere esperto in una materia (leggasi: lo Spearsanesimo), più la tua ignoranza è pronta a sorprenderti insegnandoti...

Celeb

I Quarantine Diaries di Madgezilla su Instagram hanno evidentemente messo in ansia amici, conoscenti, ex colleghi e vicini di casa, perché non si capisce...

Celeb

Mentre voi credevate che facesse la rincoglionita davanti a una macchina da scrivere e partecipasse a party esotici forte della sua immunità, Madgezilla covava...

error: Il contenuto è protetto dalla copia.