sabato 5 maggio 2018

trump ringrazia kanye west alla fiera delle pistole per aver raddoppiato la sua fanbase afroamericana


Come forse avrete sentito in giro, Kanye West ha definitivamente perso la brocca annegando quel poco di sale in zucca che gli restava in un bel bicchierone di ego diluito con incapacità di starsi zitto.
In un ennesimo stunt pubblicitario dedicato alla condivisione di cagate random col mondo, mister Kardashian ci ha fatto sapere nell’ordine che Zio Trump è un grosso, e soprattutto che a lui ‘sta storia della schiavitù nera non gli torna, e che se quelli sono stati ridotti al livello delle bestie per secoli evidentemente un po’ gli piaceva pure.
In molti non hanno saputo come commentare le ennesime parole a cazzo di questa attention whore senza capo né coda, fino a quando non è arrivata un’intellettuale della portata di sua moglie Kim a farci sapere che, sebbene non è detto che lei e suo marito debbano avere le stesse idee politiche, bisogna sempre tenere a mente che Kanye è un uomo “dieci anni avanti”, il che mi conferma ancora una volta che tra dieci anni ci saremo finalmente estinti e vaffanculo no more Kardashians.
Le cose si sono infittite quando la notizia di questo prezioso endorsement è arrivata alle orecchie di Donaldino, che non ha perso tempo e ha scelto il palco del suo discorso all’associazione dei fucili americani per ringraziarlo pubblicamente del fatto che la sua fanbase afroamericana sia raddoppiata.
Tutto questo, capirete, è dadaismo puro.

Condividi:

Cerca nel blog