lunedì 5 febbraio 2018

pink risponde per le rime a quelli che le lanciano il merdone per la sua performance al super bowl


Occorre assolutamente dire che iniziare l'inno americano al Super Bowl sputando la Brooklyn come una coatta qualsiasi non è da tutti, e sicuramente poteva riuscirci solamente la lesbionica Pink.
Dopo un inizio al fulmicotone, la nostra raffinatissima interprete ha deciso di distruggere lo spirito patriottico americano, già così tanto messo a dura prova negli ultimi tempi. Pare che dopo aver sentito l'accorata interpretazione di Rosa, in molti abbiano chiesto asilo politico in Iran.
Ovviamente il merdone social è arrivato a cercare di distruggere l'ego della lesbionica, che non si è lasciata intimidire dalla valanga di commenti negativi che le è piovuta addosso, chiosando così su Twitter:

Insomma, dall'inno nazionale alla quinta elementare in 160 caratteri. E' per questo che vi si ama, Americans.

Condividi:

Cerca nel blog