Un po' di sano k-puttan-pop che vi mandi in pappa i circuiti neuronali per la domenica, felici?
Le mossette di queste cagne sono davvero da prendere in considerazione per una serata coreografie con gli amici.

Culona From The Block s'è fatta una casetta nuova, e come sempre accade quando si parla di lei non possiamo non ispirarci. Basta cercare 'sti cavolo di monolocali a ottocento euro al mese in Culonia, quando puoi avere una villa da ventotto milioni di dollari a Bel-Air con due piscine, un campo da minigolf, un ruscello con una miniforesta, un anfiteatro e otto acri di parco!
C'è anche da dire che il prezzo iniziale era di quaranta milioni, ma J.Lo è una donna verace che ama trattare e alla fine ha strappato un prezzo più ragionevole. Amiamo.

Dopo una prima prova che l'ha lanciata nello star system con uno stile rétro e delizioso adipe in eccesso, Meghan Trainor aveva la grossa responsabilità di non ripetersi e lanciare qualcosa che le risparmiasse il rischioso titolo di one hit wonder. Andiamo subito al dunque: c'è riuscita.
Thank You è un disco pop, molto più del primo, Title, e a tratti è anche deliziosamente puttan-pop. Più che altro, Thank You è una raccolta di brani che si incollano al cervello per settimane, senza possibilità di uscirne. Lavorato ad arte, prodotto ancora meglio, l'album è un rimaneggione di facile ascolto ma con un certo spessore, che cerca senza nasconderlo troppo di instradare Meghan sulla strada di artiste pop di successo come, una su tutte, Kagna Perry.
Come da regola base del pop contemporaneo non si balla più shakerando il culo senza controllo, tanto che Thank You mantiene sempre una certa "eleganza" e qualche richiamo allo stile sixties di Title, ma soprattutto è colmo di motivetti martellanti, a partire dal lead single No per proseguire con le ottime Watch Me Do, Woman Up e Champagne Problems.
C'è anche spazio per ottime ballad, una su tutte la bellissima Kindly Calm Me Down. Nessun passo di Thank You è mediocre, per una produzione sempre a livelli molto alti sebbene il prodotto sia senza dubbio studiato a tavolino per piacere.
Con questo album Meghan si ritaglia definitivamente uno spazio tra le stelle del puttan-pop da tenere d'occhio, e in un colpo solo ci regala un disco molto molto piacevole e scongiura per sempre il rischio di sparire dall'orizzonte dopo il primo successo.
Voto: 7

Un'idea geniale che arriva da questo account Twitter.
Vabbè, a me hanno fatto piegare dal ridere, anche perché sono incredibilmente verosimili.

No, ma complimenti. Che poi scusate eh, ma il tizio era molto meglio prima della centrifuga.

Maialah Carey 2.0 e Christaccia Ingalera duettano sulle note delle canzoni della macrocefala alla finale di The Voice, e nonostante il look da leonessa della giudicessa bionda, nulla può farci dimenticare la sua performance con Gaga.

Un'autentica vita di stenti per il professore di matematica più improbabile del pianeta, qui impegnato a farci rosicare a firma di Vogue.

Tra tutte le edizioni limitate ideate per spillare soldi ai fan, questa è senza dubbio una delle più geniali: settecento mattoni numerati e autografati da Eminem accompagnano la re-issue di The Marshall Mathers LP, che celebra oggi il suo sedicesimo anniversario.
I mattoni provengono dalla casa d'infanzia del rapper, rasa al suolo nel 2013. Parte dei proventi andranno alla Marshall Mathers Foundation.
Una robetta leggera, comunque.

E' giunto il momento di iniziare a sognare, perché lo so che la sola idea di Hermione che fa Belle vi fa evaporare le mutande.
Io, dal canto mio, ho dei gusti di merda e il cartone originale non l'ho mai sopportato.

Allora allora, belle performance, Madonnaccia ci ha emozionato, Keshatta è stata pazzesca, Batterihanna inutile e Demi sempre al top.
Parliamo un attimo della Santa? Indubbiamente non si sbatteva così su un palco televisivo da anni, e già solo questo ci spinge a gridare al capolavoro, ma va anche detto che per essere un semplicissimo riciclone dello show a Las Vegas poteva sbattersi un po' di più.
Terrorizzata per i primi tre minuti buoni, poi si è messa a fare la cagna e le cose sono andate meglio, ma figlia mia ancora a mulinellare le braccine e ad arrivare in ritardo sui passi? Per una cosa che fai da tre anni almeno tre volte a settimana?
Boh, sicuramente una performance non disastrosa ma completamente senz'anima, ditemi quello che volete. Ormai è Robotney, e non se ne esce.


Domattina ne riparliamo eh, che è meglio. Ci devo pensare.

Quando la migliore sul tappeto è Keshatta, allora la fine del mondo è davvero vicina.

Sono anni che Santa Spears non performa da sola su un palco a uno show televisivo, e l'attesa per l'apertura dei Billboard Award di domenica cresce vertiginosamente.
Ovviamente, le scimmie focomeliche che si occupano del management della Santa sono strenuamente impegnate a sbucciare banane con le zampe inferiori, perché nel frattempo si è scatenato il putiferio: che cosa performerà esattamente Britney ai Billboard?
Di sicuro un medley dei suoi successi, ma in molti ancora sperano che ci sia anche il nuovo singolo. Nel frattempo, si dice che la casa discografica abbia slittato l'intero nuovo Vangelo dello Spearsanesimo all'estate, quindi poco senso avrebbe ora cantare una canzone nuova, quindi l'amara realtà è che domenica Britney potrebbe celinedionizzarsi e cantarci solo canzoni "vecchie".
In ogni caso, 'sti gran cazzi! La Santa sarà in TV domenica notte, e tanto ci basta. Aspettandola, ho deciso di stillare qui una classifica delle sue dieci migliori performance in TV. Enjoy.

E' tempo per Mimi 2.0 di massimizzare i profitti, e dopo aver avviato una campagna di recrutamento di gay per piazzare quante più copie del suo nuovo album, eccola performare ancora una volta Dangerous Nana Focomelica in TV.

A questo punto potreste pensare di aver visto tutto, ma è comunque confortante constatare che anche il picco più basso del trash televisivo britannico è comunque di un ottimo livello.



Non c'è niente da fare, Maialah è sempre un concentrato di simpatia che la metà basta.
Ospite da Andy Cohen, Mimi ha deciso di spendere parole di burro nei confronti di Madonnaccia, dicendo che "la rispetta", ma al tempo stesso ha fatto la stronza come tutti ci aspettavamo quando si è trattato di spiegare se davvero non conosce J.Lo ("I'm very forgetful": genio!), e ancor di più quando le è stato chiesto di dire tre cose carine su Nicki Poraccj. Il vuoto cosmico.

Voi lo sapete, vero, che questo è il maledetto tormentone dell'estate 2016? Ascolteremo questa canzone fino a farci colare i neuroni dalle orecchie, e quando non ne potremo più ormai ci ritroveremo video parodie su YouTube fino a intasarci i circuiti nervosi.
Auguri.

Mentre il mondo frigge aspettando di sapere che cosa ne sarà del nuovo singolo di Britney (prima dei Billboard? Dopo i Billboard? A Natale 2019?), e tutti sono pronti a giurare che Lady Germanotta tornerà a breve, c'è solo una sgualdrina pop che ha deciso di metterci la faccia (sì, dietro a quella vernice per maioliche arancione c'è una faccia) e promettere solennemente nuova musica entro la fine del 2016.
Sto parlando ovviamente di Christaccia Ingalera, che è andata da Ellen per garantire (al minuto 4.20 di questo che l'ha filmata da casa sua) che il nuovo disco è in arrivo. Non aspetto altro.

Non può capitarti di meglio nella vita: sei a un concerto di Justin Lesbieber e a un tratto il tuo idolo decide di prelevare la Big Babol al sudore di maschio che ha in bocca e di regalartela generosamente.
Da allora la conserverai gelosamente e la metterai in una scatolina di Hello Kitty e ci scriverai sopra col pennarello: "OMG! La ciunga lekkata da jUStiN! <3 <3 <3 (°_____°)".

Sarà che ormai a Maialah la premiamo solo noi, ma guardate che pazzesca mentre accetta il GLAAD Award a New York. Una vera daaaaaivah in mezzo alle checche adoranti, perché è giusto che sia così. Amiamola.


Ma che carina la nana australiana confondibilissima col pony in scena?
Anyway, grandi festeggiamenti per i novant'anni della Regina con preziose apparizioni di Kylie e Gary Barlow, anche se mi chiedo come mai non ci sia stata una reunion delle Spice Girls per l'occasione. Ah, sarà stata colpa di Posh.

Quando hai passato vent'anni all'ombra della Regina delle Tenebre, facendogli da corista (aka cantando le canzoni al suo posto), è sempre un'ottima idea rovinare uno dei suoi successi immortali lanciandone una versione 2016.
Niki e Donna cercano la luce dopo il tunnel rilanciandosi così sul mercato musicale, ma siamo sicuri che a Madgezilla basterà uno schiocco di dita per farle fuori.

Il 19 maggio esce Suck On This, il nuovo album dei Die Antwoord. Ad aprirgli la strada questo ottimo primo singolo, malaticcio quanto basta. Amo.


Carina l'idea: fino al 20 maggio, data di uscita di Dangerous Woman (il disco), Maialah 2.0 svelerà una canzone al giorno su Beats 1, la radio di Apple Music. Ovviamente qualcuno dovrebbe spiegarle che il leak è dietro l'angolo, ma tant'è.

Amore mio, se i tacchi non li sai portare accanna, che poi finisce che caschi come una pera cotta e trovi il petrolio.

Nel 1979 Madonnaccia aveva già quel fuoco negli occhi di chi sapeva che avrebbe dominato il mondo, e non a caso era già in giro da sette secoli.
Emergono oggi degli scatti mai visti, risalenti appunto a quell'anno, realizzati dal fotografo Michael McDonnell. Erano gli anni in cui Madge cercava disperatamente di sfondare, poco prima che debuttasse nel puttan-pop.
Che dire? Amo il suo look lesbo-stivaletto, e adoro la sua attitudine da stronza anche quando non era ancora nessuno. Imparate puttanelle di oggi, imparate.

Mi sembra evidente che tutti i soldi che si potevano spendere intorno alla Meghan siano stati spesi con No, perché questo simpatico video low-budget è di una mosceria unica.
Da notare che Meghan ha fatto rimuovere la prima versione del video perché a suo dire le era stato photoshoppato il girovita: si è lagnata della cosa su Snapchat ed è pure passata come una combattente dei diritti delle curvy. Ehm...


Keshatta sempre più artista decide di fare una cover di Gaga all'Human Society Gala, tanto per dimostrare a tutti che non ha bisogno di un Dr. Luke qualsiasi.
Keshampista sei pazzesca anche senza citofono incorporato nelle corde vocali, torna al più presto ad allietarci.

Culona From The Block ci regala finalmente il video di Non So' Tu' Madre, la sua potentissima hit primaverile.
Lei, bella come il sole, nuovo baluardo del femminismo a casaccio, porta avanti un'invettiva sociale contro il maschio pigro a colpi di chiappe. Il video stabilisce tra l'altro un nuovo record di marchette inserite in modo del tutto casuale tra una scena e l'altra, ricordandoci che una donna forte non solo non è la genitrice di nessuno, ma può venderti di tutto.

Ma perché, qualcuno gioca ancora a Angry Birds? So 2015!
Anyway, il film è in arrivo e la nostra Demetria gli regala una cover piuttosto canonica di un grande classico. Enjoy.

Immaginate di prendere la metropolitana direzione Laurentina (che è quella che prendo di solito io, voi immaginate quella che preferite), e di trovarvi di fronte Lourdes Maria Leon Ciccone in persona seduta accanto a un'amica che mette pienamente in pratica la legge secondo cui più fai finta di essere umile più sei figa.
La mamma non lo farebbe mai, ma Madonnaccina è la nuova generazione delle Ciccone e può tutto. Favolosa.

Si chiamano Ognissanti, quindi non potevano non cantare Like A Prayer di Madonnaccia. Succede in una compilation di successi anni '80 della BBC Radio 2, e il risultato dovrebbe rendere piena di gioia persino la Regina delle Tenebre.

Vabbè, ma chi non c'era al MET Gala? Certo, va considerato che la scena è stata completamente rubata dalle due più pazze squinternate dell'intero sistema solare, ossia Lady Germanotta e Madonnaccia, che possedute in pieno dalla loro tipica sindrome "Dovete guardarmi dovete guardarmi dovete guardarmi" hanno ecco come dire, un pelino esagerato.
Per tutto il resto ecco la vagonata di foto che seguono, con menzione d'onore alle tette di Nicki Poraccj, al Tamagotchi di Kagna Perry e all'anoressia di Taylor Swift.
 photo tumblr_mt9tvfyvqR1qd8zg3o1_500_zpscnm2168z.gif
Si chiamano Invitation e Just Like Me, e sono stati registrati all'equivalente australiano della SIAE: sono due titoli di due nuove canzoni della Santa, e potrebbero significare semplicemente una cosa, ossia che qualcosa sta per smuoversi e potremmo persino avere un leak a breve, mentre il fandom freme per un misterioso annuncio ufficiale in arrivo entro domani.
C'è chi giura nell'annuncio della performance di Britney ai Billboard Music Awards, il che potrebbe voler dire nuovo singolo imminente.