curvy, nana e stangona: arrivano le nuove barbie



Non se ne esce: da sempre accusata di condizionare la percezione della realtà di bambine e bambini in tutto il mondo, la povera Barbie non ha mai pace e non può permettersi di essere un semplice pezzo di plastica sproporzionato con disturbi alimentari come è giusto che sia per un cazzo di giocattolo.
In qualche modo, la Mattel si è convinta che serviva l'ennesima svolta politically correct con tre nuove versioni della bambola più famosa del mondo: ora a fianco dell'originale abbiamo Barbie curvy (leggi: grassa), Barbie petite (leggi: negra), Barbie alta (leggi: leccaciuffe).
Tutto tace sul fronte Ken, ovviamente.