Amo quando Lesbo Spice trasforma i classici delle sue ex compagne di avventura in pazzeschi brani acustici autoriali. Per Natale è stata la volta di Too Much, e un regalo più bello non avrebbe potuto farcelo.

Nicki Poraccj, come sappiamo, non ha mai nemmeno sfiorato la vetta della Billboard Hot 100. E per quanto questa cosa le faccia rodere tutti e settanta i metri quadrati di culo che si ritrova, ciò non le ha impedito di #uscirle sulla cover per un nuovo scatto hot.
La notizia era questa. Possiamo passare oltre.

L'altro giorno ero a pranzo dai miei, e mentre aspettavamo l'inizio di uno dei loro programmi preferiti e culturalmente più impegnati, Il Segreto, parte la pubblicità di Tezenis con Rita Ora. Mio padre si lascia andare allora a un commento da osteria su di lei, perché poverino ogni tanto si dimentica di come stanno le cose e spera ancora di poter dire qualche porcata sul tema "figa" insieme con l'unico figlio maschio.
A quel punto, la mia risposta è stata semplice: "Papà. Rita Ora non esiste". Ecco. Oggi vorrei dedicare a mio padre queste foto, per dimostrargli anche che Rita Ora può essere una grandissima cessa.


E l'inevitabile è successo: Lady Germanotta mette un artiglio su un nuovo territorio, nominata al Golden Globe come migliore attrice per il suo prezioso ruolo della Contessa in American Horror Story: Bad Romance 2.
Francamente sapevo benissimo che questa cosa sarebbe successa, e sono felice per tutti i Little Monsters, ma per tutte le ceppe: quest'ultima stagione di AHS per me resta una cagata esplosiva che non avrebbe meritato nemmeno la candidatura come miglior lassativo del 2015.
In ogni caso, se la Stefani vince prepariamoci al peggio. C'è qualcuno, da qualche parte, che aspetta una statuetta come miglior attrice dai tempi del balcone della Casa Rosada, e non resterà in silenzio se accadrà l'irreparabile. Io non ho detto niente.

Solo amore per Madonnaccia, che dopo lo show parigino di questa sera è andata a Place de la République per cantare in memoria delle vittime degli attentati del 13 novembre.
E' stata una serata davvero intensa per Madgezilla, che ha giustamente ricordato i fatti terribili di qualche settimana fa anche cantando Redemption Song di Bob Marley con il figlio David, a conti fatti vera star della serata.
Insomma, che cosa posso dire a proposito della Regina delle Tenebre, se non che quando c'è da amarla bisogna amarla di brutto?


Sua Maestà delle Feste, la nostra adorata immortale daaaaiva Maialah, ci ha finalmente regalato una nuova interpretazione dell'unica canzone che tutti le chiederemmo di cantare a dicembre (ma pure ad agosto, per quanto mi riguarda).
Eccola quindi felice, festosa e gonfia mentre sgorgheggia All I Want For Christmas Is Strutto al Beacon Theatre di New York.
Oh, io ve lo dico: quest'anno sono così pervaso dallo spirito natalizio che potrei ingurgitare un pandoro intero e aspettare che mi si sciolga nell'esofago come i pitoni.

Dopo un anno passato a smanettare, stalkerare, likkare e chi più ne ha più ne metta, gli Instagrammer di tutto il mondo possono accomodarsi e osservare il frutto delle loro fatiche. Ecco le cinque foto con più like sul social praticamente numero uno al mondo. Siete pronti? Perché l'amarezza è dietro l'angolo.

Al quinto posto troviamo la sorellastra di Kim Kardashian che prende il diploma. Ora, effettivamente era dai tempi di Donna Martin che non ce ne fregava un cazzo del diploma di qualcuno, ma lei riesce a far vedere le tette e ha il tariffario dei bocchini in fronte pure il giorno in cui qualcuno le dà inspiegabilmente un pezzo di carta, quindi ben venga.

Al quarto posto, com'era inevitabile, un gatto insieme a una troia. Una composizione animalier, diciamo. la faccia del gatto di Taylor dice tutto su quanto questa sciacquetta ci abbia rotto i coglioni, ma lei è pur sempre la numero uno di Instagram, e infatti...

Al terzo posto c'è ancora lei, nella storica foto con Calvin Harris nella quale mette in atto tutta la sua arte da fidanzata psicotica avvinghiata al proprio uomo. Lui, poveraccio, ce l'ha proprio che gli sussurra nell'orecchio come il demonio prima di strapparti il cuore a mani nude.

Indovinate un po'? Al secondo posto c'è ancora lei, sempre lei, soltanto lei. Penso che quando sei Regina George nell'animo e hai tre foto su cinque nella top 5 di Instagram, la tua vita può dirsi degnamente appagata. L'orrore di questa perticona con la faccia da scema accanto a un cuscino di fiori da morto? Ne vogliamo parlare?

Al primo posto, troviamo un'altra sorellastra Kardashian, il che esaurisce gli interessi dell'umanità a due argomenti. E per quanto voi abbiate passato tutto l'anno a farvi seimila selfie al minuto, a incollarci ogni singolo filtro vi capitasse per le mani, a trovare tutte le angolazioni migliori per mistificare i vostri difetti fisici, la foto più vista dell'anno su Instagram è quella di una scema sdraiata con le ciocche dei capelli sistemate a cuore.
Che ne dite, vale ancora la pena di vivere?

Come se già non fosse abbastanza un dolore entrare da H&M e osservarla fare la scema addobbata per Natale, Kagna Perry quest'oggi ha sentito che era necessario condividere col mondo la foto delle Feste più brutta degli anni '90.
I super-religious Hudson sono qui riuniti in coordinato rosso più orrendo maglione del papà, mentre in basso a destra possiamo ammirare il primo maestro di canto della nostra Katy.

Lo sentite anche voi, questo odore di sovraesposizione mediatica che arriva a valanga per sostenere la prossima era di Lady Germanotta?
Billboard ha eletto la Stefani donna del 2015, dedicandole la copertina e una lunga intervista. La Jazzmanotta è stata premiata per il suo impegno contro il bullismo e il suo progetto contro la violenza nei campus, ma sappiamo benissimo che il suo lento ritorno alla baracconaggine vuol dire solo una cosa: nuova musica shakeraculo in arrivo.
Tra le altre cose, Stefani ha dichiarato al magazine che sa benissimo perché i suoi contemporanei abbiano paura di lei: perché è romantica. Vabbè, amo. E' quello che dirò di me stesso da oggi in poi.

Cara, adoratissima Britney.
Ieri è stata la data più felice dell'anno, il giorno che ha visto i tuoi natali su questo insignificante pianeta. Ho avuto bisogno di tempo per raccogliere i pensieri e scriverti una letterina adeguata, che potesse esprimere a parole semplici quanto ammiri il fatto che anche quest'anno tu sia stata la migliore del mondo senza fare assolutamente niente.
Ma prima di parlare di questo, voglio assicurarti che anche quest'anno sono stato buono e integerrimamente ligio ai dettami dello Spearsanesimo: almeno una decina di volte non ho avuto la minima idea di dove mi trovassi, spessissimo ho sentito le mie chiappe più pesanti del piombo e tante, tante volte ho desiderato il Frappuccino altrui. Ci tengo anche a farti sapere che ho amato i miei gatti come tu ami i tuoi figli, e che non ho dato neanche quest'anno molta importanza alla mia coordinazione motoria, ma ho fatto almeno un paio di superdiete che avrebbero fatto venire i peli del pube bianchi a qualsiasi nutrizionista. Amami.
Anyway, posso dirti che ho adorato come hai gestito le cose quest'anno? Sempre sorridente, col culo parcheggiato a Las Vegas, hai persino tirato fuori un singolo facendolo fare a Iggy Azalea e poi l'hai inculata andandolo a promuovere una sola volta e pure per sbaglio. Ma poi, quanto ho amato quando hai iniziato ad andare a dare lezioni di danza a sorpresa alle bambine? Là hai vinto, te lo dico. E' come se io andassi a insegnare fisica quantistica all'università. Ti dico di più: è come se io andassi a dare lezioni di vagina, e sapessi indicare esattamente dove si trova il clitoride.
La tua nonchalance nei confronti della vita si muove agile attraverso le difficoltà, e devo dire che di fronte alle avversità (anche quest'anno hai totalizzato almeno un fidanzato demmerda, eh?) il tuo sorriso è sempre un faro nella notte. Oh, che darei per avere la tua stessa paresi facciale e sembrare sempre così dannatamente contento.
Comunque, Santa, ti ringrazio per aver vegliato su di me come fai sempre. E' stato un anno di alti e bassi, di domande e di risposte, di rodimenti di culo e di sorprese, di arrivi e di addii. Tra tutte le cose meno belle, mai nulla che non potesse essere spazzato via da un Toxic o da un Oops recitati con devozione.
Resto dell'idea che un giorno saremo insieme su un divano a bere Frappuccino al Doppio Strutto intingendoci della pizza surgelata, mentre disquisiamo amabilmente sulle migliori annate di Lexotan. Tu saprai il mio nome e riuscirai a ricordartelo per più di venti minuti, e finalmente tutto sarà al suo posto. Nel frattempo vivrò la mia vita come Karate Kid, proprio come mi hai insegnato tu, e continuerò a mettere risparmi nel mio salvadanaio con su scritto: "Las Vegas".
Auguri, Britney. Non cambiare mai.