la mamma di honey boo boo confessa, l'intervista verità


Nelle scorse settimane abbiamo seguito l'allegra vicenda della famigliola del reality dedicato a Honey Boo Boo: una vicenda che ha attanagliato l'America e che ha proiettato Mama June come candidata senza concorrenza al premio di madre del secolo.
Se volete recuperare la vicenda in ogni dettaglio cliccate qui e qui , ma comunque questo è quanto: Mama June ha lasciato Sugar Bear perché lui stava su una cifra di siti di rimorchio, quando poi si è scoperto che costei aveva già un nuovo amore, un molestatore di bambini al quale avrebbe fatto bellamente frequentare la sua famiglia, anche anni prima quando la figlia Anna avrebbe subito violenza da questo pezzo d'uomo.
Il network ha cancellato immediatamente lo show dal palinsesto, ma questo non ha impedito alla famiglia più unita d'America di avere un revamp di immagine piuttosto consistente. E infatti, finalmente Mama June è comparsa in TV per rilasciare un'intervista dove rivela la sua verità.
Truccata e abboccolata di tutto punto, June ci tiene a far sapere che non metterebbe mai a rischio l'incolumità di Honey Boo Boo, e che crede alle accuse di Anna riguardo al suo fidanzato, ma non vuole saperne di più perché non desidera "rivangare il passato". Quel che è stato è stato!
In ogni caso, June ci tiene a far sapere che non ha una relazione col molestatore, col quale ha scopato solo anni fa: lo ha riavvicinato una volta perché pensava che fosse il padre di Pumpkin, e una seconda solo perché le faceva pena in quanto le aveva detto di avere la leucemia.
D'altro canto, June rivela anche che sia Pumpkin che l'altra sua figlia Jessica sono figlie di un molestatore di bambini, ma un altro molestatore di bambini, beccato nel 2005 da quello show che fanno in TV in cui tendono trappole a gente che chatta coi minorenni. Il che vuol dire che ha proprio un debole per i pedofili! Che donna.
A conclusione di questa intervista verità che in realtà non ci dice nulla più di quello che sapevamo (ossia che qualcuno dovrebbe trovare una cella abbastanza grossa per contenere Mama June, e buttare la chiave), June rivela di aver perso la verginità a dodici anni.
Insomma: tutto ciò è roba che se Freud fosse vivo si tirerebbe delle signore pippe.