le dieci migliori canzoni puttan-pop (e dintorni) del 2013 secondo popslut


Tre semplici classifiche da qui alla fine dell'anno: i dieci migliori video, i dieci migliori album, le dieci migliori canzoni del 2013. Un modo per chiudere l'anno e fare un riepilogone prima ovviamente dei popslut Awards, quando sarete voi a decidere come ogni anno il meglio del meglio del puttan-pop.
Cominciamo dalle canzoni: le dieci canzoni puttan-pop (e dintorni) che mi sono piaciute di più quest'anno, non necessariamente singoli ma comunque uscite nell'ultimo anno. Inziamo? Iniziamo, subito dopo il salto.



10. Work Bitch, Britney Spears

Il singolo di ritorno della Santa non delude: più parlato che cantato, un po' troppo figlio di Scream & Shout, dite quello che volete, ma resta il fatto che si tratta della canzone più shakera-culo dell'anno e punto.

9. Wrecking Ball, Miley Cyrus

Quando Puttanah Montana non è impegnata a far vedere la fagiana o a tirar fuori la lingua mentre twerka, è ancora in grado di cantare canzoni semplici e di impatto. Wrecking Ball, video troppo chiacchierato a parte, è una signora ballad.

8. Neon Lights, Demi Lovato

Un album che avrebbe dovuto avere più risalto, senza dubbio, quello di Demi. Questo estratto, uno dei pochi pezzi veramente puttan-pop che lo compongono, è decisamente un gioiello.

7. Unconditionally, Katy Perry

L'album è quasi tutto da dimenticare, ma questa canzone non è solo la più bella di Prism, è una delle migliori ballad dell'anno in assoluto. Impossibile da cantare live per Kagna, in versione disco è semplicemente struggente. Da strillare con tutta l'anima in macchina quando siate sufficientemente sbronzi.

6. Bring The Noize, M.I.A

Mortacci M.I.A ha tirato fuori un album, Matangi, che è una vera perla. Il lead single Bring The Noize è l'ennesima prova del suo talento, e del fatto che tutte le ultime arrivate (vero Azealia?) possono andare a nascondersi.

5. Woman's World, Cher

La signora ancora spinge, diciamocelo chiaro e tondo. La canzone sembrerà anche un residuo bellico degli anni '90, ma pompa come l'inferno e poi la canta lei, quindi punto.

4. Hard Out Here, Lily Allen

Lily Allen ci è mancata. Il suo ritorno, fortunatamente, è stato folgorante come mi aspettavo. Una canzone che ho ascoltato una quantità imbarazzante di volte.

3. Til It's Gone, Britney Spears

Bomba. Bomba assoluta. Un instant classic firmato Britney che avrebbe dovuto essere singolo ancora prima di Work Bitch, che avrebbe dovuto essere performata, che avrebbe probabilmente fatto grandi cose in classifica. RCA, mi senti? Non è ancora troppo tardi.

2. Partition, Beyoncé

Il visual album folgorante di Sua Maestà Beyoncé contiene diverse perle, ma Partition è una bomba che fa venir voglia di spalmarsi ovunque appena parte. L'intro (Yoncé) è pazzesca, la canzone è pazzesca, Beyoncé è pazzesca, tutto è pazzesco.

1. Venus, Lady Gaga

E dire che all'inizio nemmeno mi piaceva tanto. Non c'è Applause che tenga, Venus è la canzone bandiera di ARTPOP e vera perla di tutto il disco, la miglior per impegno profuso (prodotta interamente da Gaga), citazionismo estremo e beat martellante.