vma 2013: foto e video delle performance





Domani il resto dei video, mentre scrivo Giustino ha appena finito la sua performance da centododici minuti. Che si può dire? Partiamo da Puttanah Montana, che ha toccato il punto più basso della storia dei VMA convinta che per essere un troione pop fosse necessario apparire sul palco come un gibbone ciondolante con la lingua penzoloni. Una scena di un'amarezza e di uno squallore infiniti.
Gaga, purtroppo, non mi è piaciuta. Ottimo inizio, carina l'idea dei cambi, ma per il resto piattume, voce sottotono e performance del tutto trascurabile.