E ti pareva che Puttanah Montana non doveva attirare l'attenzione durante la serata di Santa Spears? Presente alla prima della residenza spearsiana a Las Frappuccinas, Miley ha pensato bene di concedersi un po' di sobrio struscio con due componenti del corpo di ballo di Brit.
Niente, questa ormai è proprio incastrata nel personaggio.

Gesù bambino sia lodato! Culona From The Block ha finalmente deciso di riprendere le fila delle sue uscite discografiche come sempre random, e ha annunciato per l'inizio del 2014 l'arrivo del suo nuovo singolo: Same Girl. Se il titolo può suggerirvi qualcosa, ancora di più potrà la prima foto ufficiale dal set, che mostra la nostra Jenny a Castle Hill nel Bronx.
Avete indovinato: messe da parte le strusciate in riva al mare con Pitbullone (che comunque potrebbe comparire a sorpresa eh, non ci facciamo mancare nulla), questo potrebbe essere il seguito ufficiale di Jenny From The Block! Amissimo.

Ci siamo: la residenza di Santa Spears a Las Frappuccinas ha preso il via ieri sera. I primi video denunciano uno show dove la nostra Brit, pur tenendosi alla larga dal canto, riesce a muoversi decisamente meglio del solito e ha una verve che non ricordavamo da tempo. E miracolo di Natale fu!

Vabbè Rachel Berry io ti amo e ti adoro. Queste lagne meravigliose ti si addicono di brutto, e forse (ma dico forse) riuscirai a sopravvivere a Glee che affonda.

Tre semplici classifiche da qui alla fine dell'anno: i dieci migliori video, i dieci migliori album, le dieci migliori canzoni del 2013. Un modo per chiudere l'anno e fare un riepilogone prima ovviamente dei popslut Awards, quando sarete voi a decidere come ogni anno il meglio del meglio del puttan-pop.
Cominciamo dalle canzoni: le dieci canzoni puttan-pop (e dintorni) che mi sono piaciute di più quest'anno, non necessariamente singoli ma comunque uscite nell'ultimo anno. Inziamo? Iniziamo, subito dopo il salto.


Perché lei è così, carica su YouTube gli auguri di Natale il 26 dicembre. Prima non aveva tempo, doveva strafogarsi 'sto mondo e quell'altro e pianificare la dieta lampo per perdere tutto entro 36 ore.
Adoro anche come si sia truccata al volo, buttandosi di faccia sulla prima trousse che le è capitata sotto mano.

Mi sembra evidente che se l'erede di Michael vuole sfondare in qualsiasi campo, dalla recitazione in telefilm di quart'ordine ai duetti musicali con zia La Toya, sarà necessario che si metta a dieta e faccia un po' di palestra. Figlio mio, hai voglia a trattenere la panza, ma che forma hai?

Riempite di commozione i vostri cuori inariditi dal consumismo e dalle magnate pantagrueliche che vi siete fatti in questi giorni con una meravigliosa storia di santità gentilmente offerta dall'Imperatrice del Mondo sua maestà Beyoncé.

Quattro minuti e passa di un troll di montagna che si sditalina sotto le lenzuola? Solo Puttanah Montana poteva farci un regalo di Santo Stefano così sottile e di classe, tra il vedo e non vedo, un esempio sommo di innocenza e sobrietà.
Forse non avete capito, ma ora lei è adulta, sexy e controversa. I pali arroventati nella fagiana, a quando?

Dai, qualche ora e sarà tutto finito. Buon Natale!

Il generatore automatico di video ha cagato fuori il clip ufficiale per la canzone del vincitore di X Factor Tesorino Edition, e devo dire che scorgere le differenze con Tiziano Ferro è sempre più arduo. Fast forward al 2016, coming out di Michele su Vanity Fair. Non vedo l'ora.


E' andato in onda ieri sera I Am Britney Jean, imperdibile documentario di due ore dedicato alla Santa, giustamente perfetta trasmissione di Natale per contrastare il gran parlare che ogni anno di questi tempi si fa a proposito di quell'altra divinità, quella meno famosa.
Qui sopra la prima parte, il resto lo trovate su YouTube (qui). In ogni caso, un documentario che inizia con la frase: "Watermelon bubblegums are the best" non può che essere un capolavoro.

Non so se avete saputo, ma Madonnaccia è tornata single. Dopo tre anni di "fidanzamento" col suo boy tot Brahim, la Regina delle Tenebre è ora a caccia di un sostituto per estinguerle il fuoco che le arde tra le cosce. Pare che i provini per asili nido e giardini di infanzia sia già iniziato.
Nel frattempo, Madgezilla ha trovato il tempo per fare un'apparizione speciale al Saturday Night Live, questa volta senza Gaga ma in uno sketch con Justin.

Mancano pochi giorni all'inizio della residenza di Santa Spears a Las Frappuccinas, e oggi ecco la sorpresa prenatalizia che aspettavamo: la scaletta ufficiale dei concerti. Come volevasi dimostrare, lo show sarà assolutamente un greatest hits dei successi della Santa e non terrà minimamente conto del nuovo album Siri Jean, completamente snobbato se non per due misere canzoni inserite in setlist.
Questo, unito al flop commerciale del tutto, vuol dire solo una cosa: video di Til It's Gone, addio per sempre.

1. Work Bitch
2. Womanizer
3. 3
4. Oops… I Did It Again
5. ...Baby One More Time
6. Me Against The Music
7. Slave 4 U
8. Toxic
9. Circus
10. Scream and Shout
11. Till The World Ends
12. Piece Of Me
13. Hot As Ice
14. Boys
15. Perfume
16. I Wanna Go
17. Lucky
18. Stronger
19. If U Seek Amy
20. Get Naked (I Got A Plan)
21. (You Drive Me) Crazy
22. Do Somethin'
23. Freakshow
24. Gimme More

Sì, carino e tutto, ma sappiamo benissimo che di remix avrebbe dovuto esservene uno e uno solo, featuring Christaccia Aguilera!

ME-RA-VI-GLIA.

Hai capito il boss delle torte, s'è sprecato. Ma come, su Real Time tiri fuori le pacchianate più tremende e a Beyonciona non le fai una statua a grandezza naturale di lei, suo marito e Blue Ivy che si muove e balla tutto il nuovo album?


Rachel Berry pazzesca come sempre nella sua imitazione di Celine Dion, ma non bisogna dmenticare Pitbullone senza Ke$hatta e gli One Direction sempre in mezzo. X Factor USA continua a non guardarlo nessuno, ma ha sempre signori ospiti.


Lutto nel mondo delle drag queen che contano, e per me le drag queen che contano sono solo quelle che hanno partecipato a RuPaul Drag Race. Sharon Needles, vincitrice della stagione 4, e Alaska, seconda classificata della stagione 5, si sono lasciate dopo quattro anni di fidanzamento.
Justin e Aaron, questi i loro veri nomi, hanno rivelato a People l'amara realtà dopo essere stati finora la coppia d'oro delle drag made in USA.
La tristezza per questa notizia mi fa venire una gran voglia di gettarmi in lacrime nell'Interior Illusions Lounge a tracannare cocktail Absolut.

E l'Oscar per la migliore attrice non protagonista va a Nicki Poraccj! Scusate ma poche sequenze già mostrano tutta la verve attoriale della nostra Nicki, che si conferma artista ben oltre i novanta gradi. E c'è pure il fidanzato di Gaga! Un filmone.

Vabbè, bello e tutto, bella la canzone, teste enormi loro, però diciamocelo: a me 'ste canzoni buoniste di Natale dopo un po' mi fanno venire voglia di bestemmiare. Eddai.

"La redazione di The Voice mi ha chiesto se volevo esibirmi per la puntata finale, ed ovviamente non potevo dire di no ad uno show così bello; però ho voluto chiedere se Christina era disposta ad esibirsi con me". Parole di Lady Germanotta, alle quali Christaccia risponde entusiasta: "E' la prima volta che ci incontriamo! Quando ho sentito che voleva collaborare con me ho detto "Ovviamente!". È un'artista davvero innovativa. Le piace rischiare, e in quanto donna non posso che provare tanto rispetto per lei....e sapete una cosa? Di tutte le persone che abbia mai incontrato in questo settore, lei ha davvero i piedi a terra. Lo dico da donna a donna, è davvero difficile trovare questo genere di persone...Ti adoro e meriti tutto quello che hai raggiunto." (traduzione di LadyGagaItalia)
Insomma, è amore incondizionato e c'è già chi parla di remix ufficiale di Do What You Want col duetto riproposto in studioooohouhoooouhooooohuooooaaaaaahhh.

Ma voi lo sapevano che Michael Bublé è già al suo terzo speciale annuale natalizio? E se si parla di Natale, eccola spuntare inevitabilmente. Maialah, sei unica.

Quanto Vodka Lexotan avrà dovuto trangugiare Santa Spears per fare questa cosa? Non voglio manco  saperlo. Comunque vergogna e raccapriccio per il fortunato destinatario di questa carràmbata. Come minimo quando ti trovi davanti Britney a sorpresa devi sputare le coronarie nel piatto!


Direi che ci sta: d'altronde per tirare fuori quattordici inediti e diciassette video Sasha Fierce si è pur sempre fatta un culo così, no?


Le voilà: sempre più faida, la nostra Batterihanna sarà il volto e il corpo di Balmain per il 2014. Pubblicati di fresco gli scatti, con la nostra RiRi che in assenza di un nuovo album per fine anno, come ci ha abituato da sette anni a questa parte, vince ufficialmente il premio di sfaticata d'oro 2013.


Momento epico a The Voice USA, con Gaga Raffaella Carrà che duetta a sorpresa con Christaccia Aguilera Donatella Rettore. Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando TampaXtina faceva finta di non conoscere la Regina di Tutte le Galassie: ora si sono concesse anche un imperdibile momento lesbochic ma di classe, non come quando Madonnaccia le ha infilato la lingua in gola.
Bellissime, bravissime, bis.

Kagna Perry e il suo fidanzato sono andati insieme a presentare il loro video a Good Morning America: melassa a profusione a bordo di toro meccanico per tutti!

Ma voi ci andreste da una terapista con la faccia di Batterihanna? Eminem sì. E si spiegano tante cose.


Di video da pubblicare la Sasha Fierce diciamo che ne ha parecchi, ma oggi ha deciso che la ottima XO e il duetto coniugale Drunk In Love sarebbero stati i primi estratti dal suo titanico Visual Album.
Nel frattempo il management di Beyonciona ha confermato che la nostra eroina si è chiusa in studio con Nicki Poraccj per registrare una canzone che finirà nel terzo album della culona con la bocca larga. Finalmente!

Poteva riuscirci solo lei: partire per un tour mondiale senza un nuovo album, e rilasciare suddetto disco in una notte qualsiasi senza averlo annunciato prima, senza farlo precedere da un lead single, senza promozione. A questo aggiungiamo il fatto che Beyonciona non si è limitata a tirare fuori quattordici nuove splendide tracce prodotte con gente tipo Timbaland, Pharrell, Frank Ocean, Justin Timberlake, The-Dream, Hit-Boy e altri. Ha anche accompagnato il tutto con diciassette video, uno più bello dell'altro, tutti insieme.
Si tratta senza dubbio della mossa a sorpresa più bomba degli ultimi anni: un successo commerciale straordinario e qualcosa che ha fatto parlare e riparlare per giorni i media. Un autentico colpo di genio che tra l'altro lancia l'idea del "visual album", qualcosa che probabilmente non resterà inosservato e anzi verrà ripreso abbondantemente.
In tutta questa abbondanza, niente viene lasciato al caso: tutte le canzoni sono ottime e tutti i video sono ottimi, in grado ognuno di stare sulle proprie gambe come se fossero usciti uno a distanza di mesi dall'altro.
BEYONCE', il visual album (tuttomaiuscolo) è in altre parole un vero e proprio kolossal, un'opera titanica e coraggiosa che effettivamente poche altre avrebbero potuto permettersi. E se vogliamo parlare solamente di musica, Sasha Fierce ha decisamente un sacco di cose da dire. Genuinamente tra l'R&B e il pop, BEYONCE' non è né uno né l'altro. Si tratta effettivamente di "visioni" musicali che a volte riprendono il passato di Bey attualizzandolo (Drunk In Love è una versione lasciva di Crazy In Love), a volte accelerano sul lato più dark della sua scrittura (Pretty Hurts), a volte indugiano lente sulla sua vita privata (Ghost).
Inevitabili i momenti dedicati alla figlia Blue Ivy, in Blue e Heaven, forse e inevitabilmente i più deboli del disco. E per chi avesse voglia di ballatone come Halo, verrà accontentato ma non troppo con qualcosa di più fresco e nuovo, come la bellissima XO.
Bowdown rinasce in ***Flawless, in un colpo solo inno femminista e shakera-culo. Blow e No Angel mostrano il lato più sexy di Bey, e quando diciamo sexy intendiamo davvero sexy.
Insomma: BEYONCE' è un disco che emoziona, che va ascoltato dall'inizio alla fine per coglierne le sfumature. Non è radiofonico nel senso più spicciolo del termine, ma in questo caso è decisamente un bene.
E poi, non scordiamolo, ci sono i video: e lì troviamo davvero di tutto. Citazioni di Madonna (bellissimo il video di Haunted), apparizioni di Kelly Rowland, costumi pazzeschi e scenografie ancora migliori. Chi l'avrebbe mai detto che una tale abbondanza di video avrebbe avuto un senso così spiccato?
Insomma: il voto a questo disco non può che essere stellare. Per la qualità, ma anche per l'originalità. Davvero, davvero ben fatto, Sasha.
Voto: 9/10

A dieci giorni di distanza dall'uscita di Britney Jean nei negozi, sappiamo ormai per certe alcune cose: non è l'album più personale di Britney, come ci è stato annunciato, e malauguratamente è il suo disco con l'esordio più basso della sua carriera. Allo stesso tempo, Britney Jean non è il suo lavoro peggiore, né di certo il migliore. Britney Jean, in buona sostanza, è media allo stato puro, sufficienza racchiusa in quattordici tracce, sicuramente un ottimo album per i fan della Santa ma allo stesso tempo una delusione per i meno acritici.
La sostanza, come scrissi ai tempi delle prime impressioni, c'è: alcune canzoni sono assolutamente godibili, altre si lasciano cantare, l'overload dance è stata dimenticata a favore di un buon bilanciamento tra uptempo, ballad e disco, ma a conti fatti Britney Jean spazia troppo e finisce per non avere un'anima: si passa in modo schizofrenico dalla firma inconfondibile di will.i.am alla ricerca di ricreare la magia di Britney dei tempi d'oro, quella che era credibile mentre cantava sognante dell'amore. Ma soprattutto, la voce è completamente persa fino a far sembrare alcune canzoni cantate da tutt'altra persona: un uso creativo dell'autotune che a volte distorce la voce, a volte la lascia più al naturale, ma in sostanza cambia troppo le carte in tavola da brano a brano.
La sognante Alien, prodotta da William Orbit, è un inizio debole, che fortunatamente prende il via con Work Bitch, ormai un inno. Si prosegue con Perfume, scritta con Sia, che però non è sicuramente la migliore ballad della carriera di Britney.
It Should Be Easy è la canzone inevitabile che ci si poteva aspettare da un duetto con will.i.am, ma non ha la potenza di Scream & Shout, oltre ad avere il problema di non esplodere mai. A poco serve il beat di David Guetta: la canzone scorre senza restare un classico.
Tik Tik Boom è un ottimo momento urban, primo momento dell'album in cui si assapora qualcosa di insolito anche se lontano dai fasti di Blackout. Body Ache riporta in consolle David Guetta, ma scorre svogliata e non spacca la pista. La luce, quella vera, arriva con Til It's Gone: Guetta e will.i.am uniscono le forze per un instant classic, vero capolavoro del disco che da solo lo vale tutto. Ottima.
Katy Perry firma Passenger, un gioiello: voce più al naturale, ottimo ritmo, auguratamente prossimo singolo.
Momento Paola & Chiara con Chillin' With You, in cui Brit duetta con la sorella Kamie Lynn per un risultato carinissimo, canzone godibile e sognante. Buona anche Don't Cry, che chiude la standard edition prima del drammatico capitolo bonus track. Dr. Luke ci tedia con l'inutile Brightest Morning Star, dove tutto è assolutamente già sentito e scontato. Hold On Tight è un'altra canzone senza mordente che si trascina lungo un sound vecchio pre-Blackout ma senza sorprese. Chiude Now That I Found You, improbabile momento dance country che speriamo non venga perpetrato nei live né ricordato nella carriera della Santa.
In definitiva, più che l'album più personale di Britney, Britney Jean è una schizofrenica raccolta di pezzi molto buoni, un paio di canzoni ottime e qualche filler di troppo. Il tutto, accompagnato da una promozione come sempre sbagliatissima e pressoché inesistente, ha portato a un insuccesso commerciale abbastanza inevitabile che verrà ammortizzato dalle vendite della residence a Las Vegas. Ma al di là dei numeri, che poco ci interessano, eravamo stati abituati da Britney a sorprenderci anche quando sembrava che non avesse più nulla da dire: qui pare che anche la voglia di stupire sia venuta meno. Il disco cerca di andare sul sicuro e accontentare tutti: è sempre Britney e la amiamo, intendiamoci, ma i brividi dove sono?
La migliore: Passenger
Il singolone: Til It's Gone
La peggiore: Brightest Morning Star
Il voto: 6/10

Peccato non sia troppo puttanesca ma anzi beyond il celinedionismo, però resta il fatto che la canzone di Lea Michele a me piace un botto e l'ho persino comprata su iTunes. A seguire, Rachel parla di Finn sulla poltrona di Ellen.

Ora che Beyoncé ha deciso che i video escono TUTTI insieme e in contemporanea con l'album, fa un po' strano aspettare ancora il video del secondo singolo di Gaga. Su, sbrighiamoci.
Questa roba ha dell'incredibile: Sasha Fierce ha finalmente tirato fuori il suo quinto album, ma a sorpresa. Si chiama BEYONCE', giustamente tutto maiuscolo, contiene quattordici inediti e diciassette video, ed è disponibile solo su iTunes.
Lei lo definisce "visual album", io credo sia una genialata di proporzioni epiche. Qui sotto una preview di tutti i video contenuti nell'album.

Brava Kelly. Il biondo ti sta sempre di un male che levati, ma sei una degna interprete del Natale.

Servono un minuto e trentotto secondi per far apparire in scena Fantasy, il profumo. Il che, in un video della Santa che si chiama Perfume, è decisamente un'anomalia. E forse è questa la cosa più particolare del nuovo clip di Britney, che si trascina lungo una storia di tradimento ma è molto più canonico di tutte le sue opere precedenti.
Persa la vena sbarazzina dei video che hanno caratterizzato l'era Femme Fatale, la Santa è molto più negli schemi. Per dire, io ero convinto che alla fine li ammazzasse tutti e due, quegli infami.

Non c'è che dire: potrebbe essere la girl band perfetta. Qualcuna delle componenti giusto un pelo statica e legnosetta ma ehi, è anche il minimo.

Gioia e gaudio: non solo Robyn è tornata in studio insieme con i Röyksopp, ma i tre partiranno insieme per un tour mondiale nel 2014! Dal sito ufficiale apprendiamo che si parte l'8 agosto dalla Norvegia, per toccare Europa e Nord America con date che verranno presto svelate. Il titolo del tour è Do It Again.
Insomma, un'ottima notizia che apre la strada al nuovo disco della mia beniamina, amata e amatissima Robyn, Nel 2009, con i Röyksopp tirò fuori The Girl & The Robot. Fremo.

Ed eccolo, finalmente, il debutto di Rachel Berry nel puttan-pop. Cannonball la canzone, scritta da Sia, effettivamente molto carina anche se un po' (inevitabilmente) musical. C'è da sperare che nelle restanti tracce che compongono il disco, in uscita il 4 marzo, ci sia qualcosa di puttanesco e ballabile.
Di seguito la tracklist completa di Louder:
1. “Cannonball” 
2. “On My Way” 
3. “Burn With You” 
4. “Battlefield” 
5. “You’re Mine” 
6. “Thousand Needles” 
7. “Louder” 
8. “Cue the Rain” 
9. “Don’t Let Go” 
10. “Empty Handed” 
11. “If You Say So”


Il look albero di Natale effettivamente le mancava: amo tantissimo.

Devo dire che il look scelto da Puttanah Montana per il Jingle Ball natalizio di iHeart Radio vince: che cos'era, esattamente? Una baldracca lappone che fa le zagare a 20 euro davanti alla casa di Babbo Natale? Quella borsetta, che tocco di stile.



Vabbè Britney, fallo uscire. Non si capisce una ceppa!


Lagna Del Rey è tornata con un corto di 27 minuti, Tropico. Ventisette preziosissimi minuti che non vi ridarà nessuno, quindi pensateci molto bene prima di premere play.
No, scherzi a parte, appena ho un po' di tempo lo guardo. No, davvero. Giuro.


L'intervista è l'unica pratica di promozione permessa nello Spearsanesimo, come i fedeli più attenti sapranno. E questa settimana, per lanciare definitivamente album e concerti a Las Frappuccinas, la nostra Santa si è seduta e ha snocciolato perle di saggezza in diversi salotti TV.
Mettetevi comodi e accogliete il Verbo.


C'è stato un periodo in cui apprezzavo davvero tanto LaChapelle. Poi vabbè, è diventato il corrispettivo gay di quelle orride foto coi bambini di Anne Geddes, e tutto è finito in gloria. certo, finora il buon LachaPerde poteva dire di aver raggiunto il punto più basso della sua carriera con il calendario di Valeria Marini allegato a Chi, che comunque era pur sempre un bel vedere.
Oggi, David appone la sua firma sulla cartolina natalizia delle Kardashian. Avete capito bene: Kim, le sorelle e sua madre quest'anno manderanno gli auguri di Natale con una cartolina firmata David LaChapelle.
Se anche volessi commentare questa cosa, ho imparato che bestemmiare proprio in prossimità del Natale è un filo irrispettoso.



E il fottutissimo Natale è finalmente qui! Non si può dire che le festività comincino finché non lo decide Maialah, e va detto che la sua immancabile performance newyorkese non ha deluso. Presa e rispolverata per il periodo dell'anno in cui è specializzata e del quale è indiscussa regina, Mimi ha mostrato una linea invidiabile e due bocce portentose. Adesso sì, che ho voglia di pandoro.



Las Vegas è diventata ufficialmente Las Frappiccinas, con il party di lancio della residenza di Britney per due lunghissimi anni di Piece of Me. Grande festa ieri sera, durante la quale la Santa non ha performato una benemerita ceppa. Per lei hanno danzato i ballerini acrobatici su una fantasia dei suoi pezzi. Niente, Brit non ha intenzione di fare niente. Ma gliel'hanno detto, che quando inizieranno i concerti dovrà almeno muovere le labbra? Almeno presentarsi?


E tour sia! La regina di tutte le Galassie partirà da maggio (il 4) e fino a luglio sarò negli USA con il suo tour per ARTPOP. Biglietti in vendita da lunedì, palazzetti e arene i luoghi scelti. Tutto tace per il resto del mondo, ma c'è da giurare che entro il prossimo autunno avremo anche noi la possibilità di vederla dalle nostre parti.

Torna quest'oggi il nostro appuntamento con le risse all'americana, un argomento che mi sta sempre molto a cuore e che oggi trova la sua espressione nelle mirabolanti gesta di Sharkeisha Tyeshia Thompson, 22 anni, del North Carolina. Pluripregiudicata e con un'attitudine quel pelino focosa, la nostra Sharkeisha Tyeshia (che nome favoloso) ha uno stile di lotta assolutamente encomiabile, che parte a sorpresa ma poi si scatena senza soluzione di continuità. Ammiratela!
Carissima, Altissima Santa Spears,
ti scrivo questa lettera per farti i miei più sentiti auguri di buon compleanno ed esternarti il mio amore come meglio posso. Mi spiace comporla in una lingua a te sconosciuta, perdonami ma sto studiando da tempo il dialetto della Louisiana, però non mi sento ancora pronto per una scrittura fluida e a te comprensibile. Spero che questa mia ti arrivi comunque e che la tua cagna Hannah possa tradurla per me.
E niente, quello che voglio dirti è che ti voglio bene, e credimi spesso non so neanche perché. Nel senso, sei adorabile e hai fatto tanto per me. Ad esempio, mi hai fatto capire che andare a fare la spesa col pigiama sotto al giaccone non è sbagliato, anzi è comodissimo. Mi hai fatto capire che le diete lampo ai limiti del digiuno per perdere quei venti chili in un mese quando devi apparire al meglio sono sì dannosissime alla salute, ma anche l'unica scelta per continuare a strafogarsi quanto e quando si vuole. Mi hai fatto capire che nella vita si può fottersene sostanzialmente di tutto, fare il necessario e andare avanti nell'impervio cammino dell'esistenza come se non ti andasse di fare un cazzo, e infatti è proprio così.
Mi hai fatto capire che un Frappuccino può addolcire sostanzialmente ogni dispiacere, e che dove il cielo non voglia non arriva il Frappuccino, ci sono sempre gli psicofarmaci. Mi hai fatto capire che per essere delle persone arrivate e di successo non è assolutamente vero che bisogna farsi tutta 'sta promozione e vendersi bene: basta essere se stessi sempre e comunque, nel bene e nel male, e farsi volere bene.
A parte tutto questo, ti voglio bene perché sei così genuinamente distaccata da quello che non ti piace, e metti un po' di te stessa in tutto quello che detesti. Hai rotto ogni schema e sei diventata innegabilmente l'ultima, vera antidiva sulla faccia della Terra.
Non so perché mi sia impelagato nel volerti descrivere tutti i motivi per i quali ti voglio bene, sono tanti troppissimi e non basterebbe un fiume di parole per dirteli tutti, contando anche che con ogni probabilità non te ne frega una benemerita.
Per la giornata di oggi ti auguro di stare bene con i tuoi Santini. Non pensare a tutte quelle cose pallosissime che devi affrontare per restare a galla, non pensare al culo che devi farti a Las Vegas. Dai che ti è andata bene, per quest'album non devi nemmeno spaccarti le palle con un tour mondiale. In ogni caso, ai doveri pensaci da domani. Oggi goditela. Sei Britney, per tutte le ceppe. Tu puoi.
Ti ho detto quanto ti voglio bene? Auguri, Santa.

xoxo
Pop