mdna, il nuovo album di madonna: la recensione

Photobucket Pictures, Images and Photos
Tra gli innumerevoli talenti di Madonnaccia (e in questa sede ci limiteremo a quelli musicali), c’è senza dubbio la capacità di fondare i suoi lavori sulla rielaborazione estrema delle tendenze nel sound, per portarle a un nuovo livello e, passatemi il termine “sdoganarle”. Anche, forse soprattutto questo, è il pop: portare alle masse ciò che le masse non conoscono, farlo proprio, renderlo qualcos’altro, sostanzialmente inventare reinventando.
L’ultimo esempio in questo senso nell’opera di Madge, forse non in termini temporali ma sicuramente dal punto di vista della carica dirompente, è stato Ray Of Light. Ma non siamo qui per parlare del passato: siamo qui per parlare di MDNA, il dodicesimo album in studio della Regina delle Tenebre, che sì, diciamolo subito e diciamolo chiaro, è un perfetto esempio di tritacarne pop dal quale esce fuori qualcosa di opportunamente interessante.
Certo, tante cose sono cambiate nel corso degli anni: i produttori si sono fatti più scaltri, e non solo quelli che lavorano con lei. Alcune delle intuizioni presenti in MDNA sono state già accennate in album recenti di altre sgualdrine pop. Verrebbe da pensare che alla fine della fiera il puttan-pop sia arrivato a un punto tale che sia ben difficile inventarsi qualcosa di davvero nuovo, ma è almeno innegabile che MDNA vada un po’ oltre, trovando un equilibrio tra sonorità dance rassicuranti e piccoli esperimenti più sfacciati. Un equilibrio che però non funziona per tutto l’album.
Nel frullatore MDNA c’è tanta, tanta roba. Solveig, Benassi, Orbit e una manciata d’altri ci si sono messi di persona. Poi abbiamo Calvin Harris, Frankmusik, David Guetta, i Booka Shade, i Simian Mobile Disco, un po’ tutta la Ed Banger Records, e aggiungete voi altri nomi se vi va di fare un po’ di sfoggio di cultura.
E poi c’è il “tocco Madonna”, stavolta espresso con autocitazioni a iosa di una diva che grida al mondo: “Posso farlo ancora”. Quello che stupisce di MDNA è la carica genuinamente dance. Se consideriamo che Confessions era pur sempre un concept album, con un genere musicale che serviva da fil rouge d’insieme, quella di MDNA è la Madge più dance che ci sia mai stato dato di ascoltare. L’età conta poco: è decisa a far smuovere i culi come può fare una qualsiasi sgualdrina pop che abbia trent’anni meno di lei, e ci riesce senza nemmeno un attimo di defaillance.
A un certo punto, però, la determinazione nel far ballare e divertire diventa ossessione. Incentrata sul confezionare pezzi bomba da dancefloor, la produzione di MDNA ha spesso tralasciato di regalare un’anima alle canzoni, che finiscono per essere un po’ meno rielaborazione e un po’ troppo versioni agli steroidi di cose che nei circuiti di elettronica più smaliziati verrebbero bollate come la sensation dell’altroieri.
MDNA è in buona sostanza un disco che vuole far divertire ma allo stesso tempo si prende troppo sul serio, dove anche le tracce più cazzarone finiscono per essere fagocitate dall’ego di chi le canta, e quando costei tenta il tutto per tutto per risultare simpatica (vedi B-Day Song) l’effetto è come quello di un faraone che racconta una barzelletta infinite volte e tutti lì a ridere come se fosse la prima (comicità egitta, cfr. Vulvia).
Il paradosso di MDNA è che sostanzialmente è un disco ineccepibile: pochi gli scivoloni gravi, tanti i momenti in cui non si può smettere di ballare, ma sostanzialmente niente che sia davvero iconico, immortale, che detti regole nuove.
In questi ultimi mesi abbiamo già ascoltato altrove i bridge timidamente dubtronic, i crescendo elettronici ossessivi e la techno reinventata in salsa puttanesca, ma ora lo fa Madonna. Non plagia, non copia, ma lo fa à la Madonna. L’anima nelle canzoni non c’è, e sembra che alcune sonorità stiano lì solo perché dovevano starci, perché questi sono i dettami del momento, perché un po’ la tentazione di accodarsi c’è.
E’ quel sapore di ossessione per la gioventù che le fa ripetere così spesso “bitch” e “girl” in più di una canzone del disco? E soprattutto, perché la girl è lei e le bitch sono sempre le altre? In questo interrogativo apparentemente futile, si nasconde buona parte della sostanza di MDNA.
Girl Gone Wild è il singolo apripista che risulta facile capire perché sia stato scelto subito dopo la sigla del Super Bowl (Give Me All Your Luvin’, ovviamente) per lanciare il disco: è pura cassa che pompa. Allo stesso tempo è drammaticamente inconsistente. Settimane dopo il lancio non ne resta più nulla, specialmente a confronto di altre tracce infinitamente più efficaci nel disco. I fratelli Benassi hanno dato il loro meglio, ma Girl Gone Wild resta solo un pallido teaser. Nulla di più.
Gang Bang è oggettivamente quanto di più estremo e pericoloso sia stato inserito nell’album. Il beat ossessivo si spalma sinuoso su cambi di ritmo coraggiosi, per un risultato ipnotico e dal sicuro impatto, tanto da far pensare che sia questo il vero capolavoro del disco. Orbit e la Demolition Crew hanno davvero creato qualcosa di nuovo dal punto di vista musicale. L’unico dubbio è che effettivamente cinque minuti e passa siano un po’ troppi. Un pelo ridondante insomma, ma meno di quanto sia irresistibile.
Con I’m Addicted Benassi fa un lavoro decisamente migliore che in Girl Gone Wild, per un risultato più cupo e da ballare fino allo sfinimento. Forse la più impersonale tra le tracce del disco, nel senso che potrebbe essere cantata davvero da chiunque, ma va anche detto che è un gioiello ballereccio puro e semplice.
Turn Up The Radio merita un discorso a parte, in quanto può essere tranquillamente definita la traccia bandiera di MDNA, quella che ti fa chiedere perché non sia stata scelta come primo singolo, rendendoci tutti più felici. Certo, è chiaramente Solveig for Dummies, è come se parlasse alle spalle di David Guetta, ma è talmente irresistibile da non permettere neanche per un istante di farsi domande sulla qualità effettiva, se non sulla carica e sulla voglia di muoversi che trasmette. E’ questa la canzone che resterà a simbolo imperituro dell’era MDNA.
Su Give Me All Your Luvin’ è già stato detto tutto. Ascoltarla nel disco fa venire voglia di skipparla ancora un po’ di più. Resta una delle pagine più buie della carriera di Madonnaccia, non ci resta che andare oltre.
Some Girls è una canzone che va ascoltata più volte. E’ la canzone con la quale Orbit ha voluto evidentemente dimostrare di poter produrre una traccia dance più leggera, riuscendo nell’intento. Non è indimenticabile ma si fa ascoltare. Madonna lancia la sua bordata autocitazionista (“Put your loving to the test”, da Express Yourself), e Orbit fa altrettanto giocandosi reminiscenze di Ray Of Light.
Se non ci fosse B-Day Song più in là tra le tracce della deluxe, Superstar vincerebbe a mani basse il titolo di canzone più trascurabile dell’album. Dal testo al sound dozzinale, questo brano è un riempitivo di qualità infima che avrebbe potuto essere tranquillamente escluso dalla tracklist finale. “Like John Travolta, getting into the groove”, canta Madge, ma il groove non c’è. Peccato che resterà come la prima apparizione in studio di Lourdes Maria, coinvolta nei cori.
I Don’t Give A è fuor di dubbio una delle mie preferite. A cominciare dal testo, con tanto di versi dedicati a Guy Ritchie (“I tried to be your wife”), per proseguire con il ritmo urban hip-hop che regala all’album una vera boccata d’aria fresca. Solveig sorprende, insomma. Peccato che sia un po’ difficile credere che davvero a Madgezilla non freghi un cazzo, e peccato per il pur ottimo rap di Nicki Poraccj che si conclude con un “C’è solo una regina ed è Madonna, stronza!”. Evitabile.
Orbit allo stato puro in I’m A Sinner, ma Beautiful Stranger resta migliore. E Beautiful Stranger non era un capolavoro. Il beat Sixties è divertente, ma il riciclo di Ray Of Light resta un po’ troppo sfacciato. San Cristoforo, San Sebastiano, la Madonna (quella vera) e Sant’Antonio possono far poco per renderla interessante, nonostante i loro cameo nella canzone.
Love Spent è bellissima. Il miglior Orbit di tutto MDNA, finalmente meno ossessionato dal far ballare. Un bellissimo testo, una melodia coinvolgente, un’interpretazione molto meno impersonale da parte di Madonnaccia. La canzone prosegue in un crescendo di pathos, per poi esplodere in un finale che cambia le carte in tavola e le dà una seconda vita sebbene fosse già perfetta così. E la mia canzone preferita dell’album, e se ci aggiungiamo quel riff di banjo che cita Hung Up il gioiello è servito.
Masterpiece è ottima, e mi sono già espresso sulla qualità di una grande ballad che ha meritato un Golden Globe. Purtroppo, trovo completamente inutile inserirla in questo contesto. Stride completamente con il resto dell’album, tanto da risultare fuori luogo e interromperne l’omogeneità. Avrebbe potuto e dovuto essere una bonus track.
Falling Free chiude la standard edition di MDNA nel classico stile Madonna, con una ballad evocativa. Orbit è in forma anche qui e chiama il violino a servire la voce della Regina delle Tenebre, fortunatamente meno effettata che nel resto dell’album. Il tocco folk rende il tutto come se Enya improvvisamente diventasse la più grande popstar del mondo.
La standard edition si chiude così, mentre la deluxe offre quattro canzoni in più. Solamente I Fucked Up merita davvero l’ascolto. Un altro Solveig insolito per una canzone che resta, uno dei pochi momenti dell’album che tralascia completamente la superficialità.
Beautiful Killer è ruffiana al punto giusto, ma potrebbe essere a malapena la sigla di un telefilm. Trascurabile, forzatamente orecchiabile, a conti fatti inutile.
Quello che penso di B-Day Song lo avrete percepito nel corso della recensione: fastidio alla stato pure. M.I.A., featuring completamente sprecato, farebbe bene a cancellarla dal suo curriculum. Madge che cerca di fare la ragazzina spensierata è fastidiosa oltre ogni limite, per un brano che fa rimpiangere persino roba come Spanish Lesson.
Best Friend, in chiusura, lancia una manciata di minuti che sembrano un rigurgito del Timberlake di Hard Candy, e di certo potevamo farne a meno.
In sostanza, MDNA è un album dallo standard produttivo assurdo, che delude nel darci esattamente tutto quello che fosse lecito aspettarsi, che non sorprende, ma assolve egregiamente al suo scopo: riposizionare Madonna sulla scena del puttan-pop contemporaneo. Si ha purtroppo l’impressione che il trono sia diventato a più piazze e che il confine non sia stato spostato da un millimetro, ma se tutto quello che ci aspettavamo dalla Regina delle Tenebre era ballare, possiamo ritenerci soddisfatti.
Certo, in fondo al nostro cuore non possiamo che addolorarci che un disco di Madonna contenga solamente due veri picchi. Ma evidentemente, nessuno è perfetto. Neanche lei.
La sensazione è che MDNA non durerà se non fino alla prossima produzione multimilionaria di Madge con Interscope e Live Nation, che stavolta non si farà attendere troppo a lungo.
Una cosa è sicura: un po’ meno trend setter e un po’ più trend follower, Madonna ha sfornato un disco che non ha un’anima, ma di certo ha un corpo mozzafiato.
Voto 7
mdna, il nuovo album di madonna: la recensione mdna, il nuovo album di madonna: la recensione Reviewed by popslut on marzo 21, 2012 Rating: 5

75 commenti:

  1. Condivido ogni singola parola.

    E finalmente si...da trend setter a tren follower e diciamolo!

    RispondiElimina
  2. Mi piace questa recensione :D
    è davvero un bell'album, ma Madonna sa fare molto di meglio :) ha in contratto altri 3 dischi, per i prossimi 3 vorrei che come produttore usasse solo William Orbit.

    RispondiElimina
  3. Totalmente in disaccordo, e non credo tu conosca Madonna. Per te Madonna sarà al massimo quella da American life in avanti. Troppo superficiale.

    RispondiElimina
  4. Per nulla d'accordo con la tua recensione e con i tuoi gusti. Mdna per me è decisamente valido, un prodotto interessante e che si distingue drasticamente da tutto ciò che circola oggi e negli ultimi mesi. I'm
    Addicted potrebbe essere cantata da chiunque? Assolutamente no. È una tipica traccia madonnara sullo stile di alcuni pezzi da ray of light, music o american life. Per me mdna è un 9 pieno. Ovviamente è il mio parere e trovo interessante leggere anche recensioni meno entusiastiche.

    RispondiElimina
  5. Superstar ha un sound bellissimo (mi ricorda in parte Lucky Day di Nicola Roberts). Poi la scelta del testo e dell'ooh la la ooh la la era evitabile.

    B-Day Song a me piace. E' una canzone volutamente "stupida", quasi come se fosse stata improvvisata durante una festa.

    Quanto a Beautiful Killer (che sa un po' di Cupid Boy di Kilye Minogue, oltre che a Die Another Day / Cool Song / Papa Don't Preach e in minima parte Deeper and Deeper di Madonna stessa), è una delle mie preferite del disco. E' la meno "overprodotta", ed è come se unisse la "vecchia" Madonna al 2012.

    I Fucked Up non mi piace. Un bel testo indubbiamente, ma il sound è piatto e poco coinvolgente (dove sono Drowned World, I Deserve It, Gone, Easy Ride, ecc???)

    RispondiElimina
  6. Comunque Some Girls mi ricorda tanto I Like It Rough di Lady Gaga e, in minima parte, My Favourite Game dei Cardigans. Ha un pre-ritornello pazzesco comunque! (La parte con "crying in the limousine" per intenderci)

    RispondiElimina
  7. Quasi in perfetta sintonia.
    Io però salvo da te odiatissime B-Day Song e Superstar, trovo che siano spensierate ababstanza da poter fare da ponte tra alcuni momenti veramente (qualitativamente) drammatici dell'album.

    Insomma, senza queste due l'album mi sarebbe piaciuto ancora meno, e sai già che per me è il voto è 6.

    Per il resto, siamo in perfetta armonia, certo io non sarei stato così diplomatico. Ma forse il tuo modo è quello giusto.

    RispondiElimina
  8. secondo me ha smesso di fare scuola quando ha iniziato ad ostinarsi a voler fare l'eterna 20enne, come hai detto più volte masterpiece è meravigliosa, a mio vedere perchè ha una maturità artistica che Madge non si rende conto quanto sia eoni più avanti di tutte le varie sgualdrinelle pop in circolazione.
    Comunque la recensione dice tutto e ti do' ragione in toto.

    RispondiElimina
  9. Some Girls sembra una canzone di Sabrina Salerno.
    E non è un'opinione.

    RispondiElimina
  10. Sì, anch'io condivido tutto, bellissima recensione!
    @19.07 Non per fare il leccaculo ma... Pop non conosce Madonna?! Ma hai letto qualche post a caso di questo blog scusa? ahaha

    Ah, Love Spent a vita. GMAYL la skippo SEMPRE.

    RispondiElimina
  11. Pop sarò sincero. Ho ascoltato le canzoni con poca attenzione, quindi sarà mia premura riprenderle in mano, però da fan di Madonna posso dirti che quest'album è una grande delusione.
    So che molti pensano che Hard Candy sia il peggior album, ma io lo trovo molto meglio di MDNA. I singoli erano tutti all'altezza della proprietaria e il resto dell'album era impeccabile.
    MDNA è una porcheria, senz'anima come hai detto. Un pò come Femme Fatale, un album che punta a rimettere in piazza la cantante, nient'altro. Solo che a differenza di Femme Fatale, MDNA risulta alle mie orecchie noiosissimo, generico, lontanissimo dall'idea di Madonna. Se uno pensa che MDNA viene fuori da colei che ha rilasciato album quali Ray Of Light, American Life, Confessions On A Dancefloor, True Blue e quant'altro, c'è da mettersi le mani nei capelli e gettarlo nella pattumiera.
    Peccato, ero davvero convinto che 'Madonna non sbaglia mai', invece per quanto mi riguarda ha sbagliatto tutto questa volta.

    RispondiElimina
  12. Anche io ho pensato a Sabrina Salerno quando ho ascoltato Some Girls...e non so perchè

    RispondiElimina
  13. Il riff di banjo a me ricorda più che altro "Isaac" non tanto "Hung Up".

    RispondiElimina
  14. Condivido appieno ogni-singola-parola. Bella recensione ;-)

    S.

    RispondiElimina
  15. Madonna è originale. Puahahahhahahaha
    http://img854.imageshack.us/img854/7575/zasxdcfvg.jpg

    RispondiElimina
  16. d'accordo al 100%

    RispondiElimina
  17. recensione letta tutto d'un fiato e ancora una volta penso che tu sia stato fin troppo generoso. Concordo in pieno sul fatto che sia un disco senz'anima e proprio per questo io lo boccio senza appello.

    RispondiElimina
  18. I miei voti :

    Gimme all your luving : 5+
    Girl gone wild : 8
    I'm addicted : 7
    Gang bang : 5
    I'm a sinner : 4/5
    Turn up the radio : 7 1/2
    Love spent : 6
    Some girl : 4
    Dont give a : 7
    Falling free : 6
    Superstar 4
    Masterpiece : 7

    MDNA : 6 /7

    RispondiElimina
  19. Voto a MDNA : 6 1/2

    Disco fatto solo x ballare...

    RispondiElimina
  20. Praticamente fanno tutto i produttori qui...musicalmente prlando non è per niente regina...

    RispondiElimina
  21. Non credo proprio che Madonna si prenda cosi sul serio e che questo album pecchi nel cercare di essere serio.
    Tutt'altro direi visto che hai inserito VOLUTAMENTE canzoni come GMAYL, Bday song e Superstar che sono molto ironiche leggere e spensierate.

    E' lei stessa a dirci che con questo album non ha intenzione di fare la pretenziosa e di dimostrarci chissa cosa. (non ha niente di cui dimostrare una come lei su, che vi deve dimostrare)
    E poi di canzoncine stupide come B-day song ne ha gia' cantate...

    Madonna lo sa meglio di noi cosa sia forte e cosa no... poteva fare un album di 11 canzoni come al solito e via... preferisco tutte e 16 canzoni.
    E se uno vuole di crei il suo MDNA, ce n'e' per tutti!

    RispondiElimina
  22. Some Girls è uno dei brani prodotti da William Orbit durante il writing camp per "Femme Fatale" e che è stato scartato dall'entourage di Britney Spears...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno fatto bene a scartarlo ..

      Sone girl è la piu brutta in assoluto

      Elimina
  23. MDNA : 6 è stato troppo pompato dai giornali...

    Dopo turn up the radio nn ci sono singoli che possono andare bene in calssifica o nelle radio per questo sn convinto che dopo il terzo singolo ( turn up the radio) nn rilascerá piu singoli e inizierá il tour ......

    Questo album è discreto

    RispondiElimina
  24. Non condivido il clamore per Turn Up The Radio, io la trovo abbastanza banale, probabilmente meno preferita...

    RispondiElimina
  25. apprezzo lo sforzo di scrivere una recensione obiettiva e seria. bravo.

    l'unico appunto malizioso però (non potevo non fartelo): lei si fa chiamare Queen dalla Minaj ma sbaglio o Britney si è fatta chiamare non solo Queen ma addirittura Legendary? :P

    RispondiElimina
  26. Girl gone wild su itunes usa non c è .....

    Sta andando male......

    RispondiElimina
  27. l'ultima frase dice tutto.
    "Una cosa è sicura: un po’ meno trend setter e un po’ più trend follower, Madonna ha sfornato un disco che non ha un’anima, ma di certo ha un corpo mozzafiato."
    Ti amo, pop.

    RispondiElimina
  28. Ragazzi ma come mai su itunes americano e inglese non cè ?

    RispondiElimina
  29. In america nn cè nemmeno l onbra di girl gone wild : O

    RispondiElimina
  30. @20.09
    Verissimo. Però ecco, era giusto un pelo più ironica.
    Però vabbè, alla fin fine dettagli.

    RispondiElimina
  31. Caro Pop, sono completamente d'accordo con te...purtroppo. Aspettavo questo disco con una speranza estrema. Sono al decimo ascolto in due giorni, ho appena posato le cuffie e penso di poter scrivere la mia opinione.

    beh il riassunto del disco è: DELUSIONE.

    SE parliamo a livello tecnico il lavoro svolto è ineccepibile. La produzione è eccezionale tutto è al suo posto, ma è un lavoro dove di personalità se ne vede poca. E' il compitino che Madge doveva svolgere per poter pensare di partire per un tour.Tutto qui. Un collage di innumerevoli correnti mixato insieme......una macedonia dove non è stato nemmeno aggiunto lo zucchero a dargli più sapore.

    Per carità è tutto al posto giusto, le canzoni sono quasi tutte possibili hit, ma in questo lo trovo perfettamente riconducibile a Femme Fatale delle Spears (che a me aveva fatto cagare nonostante l'incredibile qualità tecnica che vi si poteva trovare). Un album che oggettivamente parlando è un lavoro straordinario, ma che alla fine mi lascia a malincuore l'amaro in bocca. L'apertura mi aveva fatto ben sperare poichè Girl Gone Wild è cresciuta tantissimo con gli ascolti già prima del rilascio dell'album e la trovo coinvolgente e sexy, mentre Gang Bang è davvero eccezionale, una pietra miliare nella discografia di Madge! Belle anche I Don't Give A e Beautiful Killer . Gli altri capolavori dell'album sono sicuramente Falling Free e Masterpiece, che cmq stonano nella scaletta, le trovo non adatte e inserite lì dentro tanto per mettere più roba possibile sul fuoco. Da questo punto di vista Femme Fatale era più onesto. Mirava da una parte e li è andato. Orrende a mio avviso I'm a sinner, B-Day Song e Superstar anche se con un non so che di Madonna Vintage, scontatissima Turn Up the Radio (nulla di nuovo rispetto ad un Sinclair qualunque) e le altre a seguire almeno per il momento mi sembrano buone tracce ma nulla di che.

    Personalmente la delusione mi deriva da una poca voglia di sperimentare anche se i presupposti c'erano tutti (Gang Bang docet). Forse Madgezilla dovrebbe tornare a lavorare con Mirwais, Prince e Orbit soltanto, gli unici forse, in grado di saper davvero sfruttare il potenziale della signora Ciccone. Forse se ci si fosse messa anche Bjork, come fece a suo tempo per Bedtimes Story, avremmo avuto un'altro capolavoro.

    L'impressione che mi dà è che Madge cerchi ormai d'inseguire le sue avversarie. Per carità, è innegabile che con questo album le abbia superate quasi tutte nella corsa, ma una volta era lei a farsi inseguire. E questo la dice lunga. Poi è innegabile che questo cd mi rimarrà nello stereo per parecchio (si ma solo con 5 o 6 canzoni a rotella, stessa sorte toccata a FF o HC) ma trovo innegabile ammettere anche che non ci si distanzia molto da una Rihanna qualsiasi. Di GaGa si può dire tutto, la si può amare o odiare ma ha sperimentato molto di più di Madge, così come la Aguilera con il suo Bionic. Uno è stato un successo innegabile, l'altro un flop colossale. Ma avevano più personalità nella musica. Su questo versante questo disco è identico ad Hard Candy. Molte sue canzoni le potrebbe cantare anche mia madre sotto la doccia e non sentiresti la differenza. Ma questo non è un problema di Mrs Ciccone...è un po' un problema generale.

    RispondiElimina
  32. Purtroppo si tanno tutte omologando alle truzzate made in Guetta Style. Il caro vecchio pop sta morendo. Gli unici due lavori veramente pop che ricordo erano Circus della Spears e Tenage Dreams della Perry. Freschi e vecchio stampo senza suonare vecchi. Invece Born this Way spiccava perchèsi rifaceva a tutte altre correnti.Di Tunz Tunz in quel disco non se ne trovavano, ma c'erano influenze Euro Dance eccezionali (Sheisse)e un po' di rock....non sarà stato un capolavoro ma almeno si era spostato il tiro verso lidi che le altre ormai non prendono nemmeno in considerazione. Altra da elogiare da questo punto di vista è P!nk, che a centrato in pieno gli ultimi due album, senza per forza passare al disco style. Mi chiedo: ma davvero il nuovo pop deve essere obbligatoriamente quello truzzo da ballare sul cubo? Non è che Adele ha vinto nelle vendite perchè si è discostata da tutta questa omologazione?

    Io la differenza l'ho notata rivedendomi il Confession Tour e lo Sticky and sweet Tour in attesa di MDNA...nel primo c'era una grande classe, momenti alti e raffinati. Nel secondo si stava soltanto in discoteca (You must Love me a parte). E non era meglio il primo?

    RispondiElimina
  33. scusate l'OT ma qualcuno ha un download link per superstar?io non riesco a trovare sta benedetta canzone..e me ne addoloro molto. vado un po' in bagno a piangere al buio, se qualcuno nel frattempo linkasse qualcosa =D

    RispondiElimina
  34. Boh,a me ha fatto cagare.Ma tanto.Ci sono momenti in cui la sua voce nemmeno si sente.
    Salvo solo Love Spent e Girl Gone Wild.

    RispondiElimina
  35. concordo quasi con tutto se non per i'm addicted che a me piace molto, forse penso sia la traccia più riuscita dell'album insieme a love spent.. niente di originale o all'avanguardia, ma mi sembra un ottimo esercizio di elettronica, con un climax incredibile, non solo un pezzo da ballare..... che poteva cantare chiunque altro ok, ma ha il suo perchè in quest'album... penso che GGW invece sia proprio un pezzo che doveva cantare brintey o chi altro, madonna non ci azzecca molto, ma il risultato è carino per quello a cui serve...

    mi sembra però che nel dare un voto finale influisca troppo il fattore x di soddisfazione delle aspettative o non so cosa.. come hai fatto anche con talk that talk.. io avrei dato almeno mezzo voto o un voto in più.. ci sono picchi molto alti nell'album nonostante metà delle tracce magari siano trascurabili... ok tutte le critiche che hai fatto, ma se dici che "Una cosa è sicura: un po’ meno trend setter e un po’ più trend follower, Madonna ha sfornato un disco che non ha un’anima, ma di certo ha un corpo mozzafiato", per me il corpo mozzafiato vale almeno un 8...confrontandolo anche con i voti dati agli altri album..

    per concludere, devo ammettere che dopo tre giorni di ascolti già mi sta un po' stufando.. per la regola "più in fretta ti entra un testa una canzone, più in fretta ti esce", devo dire che mdna è estremamente catchy e seducente, ma non so quanto durerà... secondo me fra un anno ascolterò ancora: i'm addicted, i don't give a, love spent, magari gang bang, ma non penso altro..forse turn up the radio (che anche secondo me è la canzone MDNA, mi immagino proprio i colori della cover quando la ascolto)

    RispondiElimina
  36. è una cosa abbastanza da svitato, però ecco:

    la cover della deluxe è turn up the radio,
    e la cover della standard è i'm addicted!

    RispondiElimina
  37. @Andrea:
    Per me è l'esatto opposto!
    Deluxe: I'm addicted
    Standard: TUTR

    RispondiElimina
  38. mi sono dimenticato di dire una cosa:
    sono riuscito ad ascoltare una volta sola fino in fondo Superstar... per me rimane un grande mistero la sua presenza nell'album...penso sia l'unica canzone nella discografia di madonna che trovo INSOPPORTABILE, fastidiosa, inutile, irritante, fa venire il latte alle ginocchia

    p.s. si trova in giro l'album versione iTunes, è tutta un'altra cosa effettivamente..

    @ Fheb ahahaha! chissà perchè?

    RispondiElimina
  39. Gusti sono gusti chiaramente, ma dirmi che MDNA non ha anima secondo te e quindi penalizzarlo e dare un 9 a FF che non ha lavorato minimamente al proprio album la Spears. Beh non è giusto. Madonna anche se non ti piace il suo lavoro lo fa, co-scrive e produce le sue canzoni. Ed il tuo giudizio su B-song è di una superficialità disarmante. Non conosci proprio Madonna e che tipo di persona è. Una così non la trovi nasce 1 volta ogni 500 anni. È troppo forte per te e molti altri. Non importa, io la stimo assai.


    A me piace MDNA. Un buon album da 8.5

    RispondiElimina
  40. Bella recensione tutto sommato, però secondo me con il tempo l'anima del disco si rivelerà, come si è rivelata con il tempo l'anima di confessions on a dancefloor a suo tempo

    RispondiElimina
  41. in effetti ci ha messo molto di se stessa in questo album. senza anima? Riascoltare please.
    le canzoni non sono immediate, volutamente! non sono strofa ritornello strofa. Leggere i testi magari non farebbe male pure.
    Falling free da solo basterebbe per dare 9 a quest' album.
    Adoro tutte le auto citazioni, nei testi, musica o video di questa MDNA era. Con tutto quello che ha fatto è l unica che può permettersi di citare se stessa..citare!

    9!!

    RispondiElimina
  42. Sapete qual'è l'unica incontrastata verità? E' che da Madonna ci si aspettava la 5a sinfonia di Beethoveen. Ci si aspettava qualcosa in più di tutti e tutte come è giusto che sia.
    Ma d'altronde, si si dimentica per un attimo che quest'album è della Regina, MDNA è davvero un signor album, uno dei migliori degli ultimi anni presenti sulla scena pop, e questo è innegabile.
    Poi ovviamente tutti i pareri vanno civilmente rispettati, e credo che Pop conosca benissimo Madonna al contrario di quello che diceva qualcuno prima.
    Io all'album do un bel 9, perchè davvero ascolto dopo ascolto mi sta prendendo tantissimo. Ed io sono molto critico nei suoi contronti. Ad Hard Candy do 3!
    Poi ripeto, de gustibus. Non posso fare a meno di vedere i voti che Pop aveva dato a Femme Fatale ed altri dischi pop recenti...

    RispondiElimina
  43. Io non capisco chi ti credi di essere. Hai recensito un album come se conoscessi solo la Madonna da Confessions in poi. Ma quanta superficialità.

    RispondiElimina
  44. Recensione corretta ma sei stato un poco stitico nel voto se messo a confronto con quelli che hai assegnato alle "altre" bitches!

    RispondiElimina
  45. Io penso di essere il solito music ignorantone... quello che gli piace pure GIMME ALL UR LUVIN'. Cosa volete che vi dica, da profano di musica e da appassionato di Madonna non riconosco le "capriole pop eco new-rythmyc sound mescolate a un pò di Orbit con regurgiti di timberlake e un pò di instrospezione che però non sfocia abbastanza convincentemente nel sound ellettro-dance Russo anni 80". però mi diverto sempre a leggere come PopSlut ci sguazza dentro! E MDNA mi piace mucho!

    RispondiElimina
  46. imparate bene le canzoncine mi raccomando , sennò come fate a cantare ai concerti della vecchiarda in sua santissima presenza? e no imparate tutto e di più e poi vi rilascerà la pagellina lei in persona ^^

    RispondiElimina
  47. Sinceramente fa sorridere che dopo settimane in cui per ogni snippet di mezzo secondo che usciva venivano scritte in questo blog righe e righe per demolirlo adesso che l'album è intero come per magia diventa un bell'album. Un cambio di rotta un pò sospetto e poco coraggioso. Paura delle orde di demoni che la regina delle tenebre ti avrebbe scagliato contro? Paura delle madonnare assassine alla prossima popslut night? Comunque per dire la mia MDNA è un album niente de che. Adoro girls gone wild e love spent è bellissima. Tutto il resto è produzione mediocre sentita centinaia di volte negli ultimi anni dai vari david guetta e solveig,in mezzo a questa accozzaglia persino give me all your love sembra una canzone gradevole da ascoltare (non è un complimento). E la personalità di madonna dov'è? A mio avviso nell'album non c'è proprio. C'è più anima nelle registrazioni artificiali di Britney. Se non ci fosse già stato hard candy sarebbe sicuramente il suo album peggiore. Chiunque dice il contrario è fan bimbominkia senza onestà intellettuale.

    RispondiElimina
  48. Fate ridere. Madonna still the queen.

    RispondiElimina
  49. @Gan: nelle canzoni c'è molta di più Madonna di quanto non ce ne fosse in Hard Candy o in Confessions on a Dancefloor. Secondo me siete voi che vedete quello che volete vedere e sentite quello che volete sentire.

    RispondiElimina
  50. una parentesi: solo io in some girls e altre canzoni ho i continui suonini della chat di skype?

    gang bang è veramente innovativa, il resto no.

    RispondiElimina
  51. HUAHUAHUAHU se i gay si impegnassero nella battaglia per i propri diritti in Italia invece di perder tempo, forza e rabbia nel fare il pubblico parlante di "Amici" su questo blog.
    Per questo non saremo mai preso sul serio...guardate come siete ridotti!

    RispondiElimina
  52. si può sempre parlare di canti gregoriani (so bene chi sei), tristess

    RispondiElimina
  53. Stiamo parlando di un blog che mette 7 a quest'album, lo stesso voto che ha dato a roba come "Love?" di Jennifer Lopez, addirittura 8 a cagate come "4" di Beyoncé o Nicola Roberts (???), o ancora peggio 9 e 9.5 a Femme Fatale e a Born this way, roba da non credere... Si tratta di recensioni personali, personalissime, E MENO MALE...

    RispondiElimina
  54. Questa è una recensione.
    Complimenti Pop!

    Daniele

    RispondiElimina
  55. Si sa che nel coloratissimo mondo del Pop tutto è possibile, le provocazioni studiate ad arte, gli scandaletti legati al titolo di un disco, i mezzi passi falsi per scelte musicali non proprio brillantissime rientrano nell’enorme calderone del circo mediatico che in maniera mutuale da e riceve fama dalle star. Sono passati quattro anni dal non eccelso Hard Candy e all’epoca la stampa di mezzo mondo si divise tra lodi sperticate e recensioni tutt’altro che lusinghiere: Madonna da buon ultima aveva deciso di affidarsi al metodo Timbaland. I risultati non furono stupefacenti ma la Ciccone da bravissima imprenditrice di se stessa mise su un tour che andò a rimpinguare notevolmente le sue già ricchissime finanze. Quattro anni sono passati dicevamo, e nel frattempo Katy Perry, Rihanna e Kesha hanno provato ad insidiarla fino a quando non è comparsa lei, Lady Gaga: l’erede, il nuovo messia, la nuova regina e via dicendo. E Madonna? Madonna si è d’improvviso trovata da un lato a dover riconfermare il suo ruolo guida tra i fan di lungo corso e dall’altro a dover convincere i più giovani che Gaga, per quanto brava e innovativa, aveva in realtà attinto a piene mani da colei che inventato il Pop in chiave moderna. Madonna ha costruito la sua fama grazie alle sue doti camaleontiche e al suo fiuto nel saper anticipare e tracciare la strada che la musica avrebbe intrapreso. Basta dare una scorsa alla sua discografia per scoprire che i nomi di Mirwais, Orbit, Leonard, Babyface etcetc devono la loro fama alla Ciccone. Ironicamente ho sempre sostenuto che Madonna, furbissima, ha sempre cambiato religione ad ogni disco: evidentemente le piace, sa che c’è qualcosa di morboso e accattivante nel misticismo dato in pasto ai media. Ma veniamo a MDNA. Questo disco doveva farsi perdonare gli scivoloni di Hard Candy ma non c’è riuscito. E’ un disco notevolmente autoreferenziale ma che non porta da nessuna parte. Volevate un duetto con la Minaj? C’è. Volevate trasgressioni da banco frigo? Ci sono anche quelle. E’ un disco senz’anima. E’ una pallida imitazione di quello che Madonna è stata finora. Trovi la Madonna killer, la Madonna ossessiva, la Madonna disinibita. C’era bisogno di una gang bang dopo justify my love e human nature? C’era bisogno di una Madonna celtica nell’anno d’uscita dello Hobbit? Oppure c’era bisogno di riesumare un dj come Benassi che il mondo conosce solo per Satisfaction? Madonna è ritornata sul dancefloor ma scivola paurosamente. Tra overproduzioni e melodie ringtones c’è poco di buono in questo disco. E’ un disco farraginoso, che non da brividi e che sembra dettato dall’urgenza di calcare le scene dopo troppo tempo. Un disco autocelebrativo di cui potevamo farne francamente a meno.

    RispondiElimina
  56. È la tua recensione, se posso dire è anche a tratti molto imbarazzante.
    Per me è un ottimo album che continua a fiorire continuamente senza smettere.

    RispondiElimina
  57. Quando uscirà il prossimo album i fan di madonna diranno: mdna non era bello,questo sì!
    Secondo me 7 è anche troppo,
    non è un bell'album e lo sapete anche voi! Non arrampicatevi sugli specchi per difendere questo lavoro!

    RispondiElimina
  58. esatto al prossimo album i fan diranno: ora possiamo sfanculare mdna, questo si che è un capolavoro!

    RispondiElimina
  59. Qualcuno dimentica il concept dell'album ;-)
    MDNA = Il DNA di Madonna

    E' un album che rappresenta la sua carriera, ecco il motivo dei mille sound dentro un solo disco!

    Personalmente a me piace ;-)

    RispondiElimina
  60. questo è un signor album, non c'è mezza traccia che non sia bella, alla faccia di quel coito interrotto che ha pubblicato FuckGa l'anno scorso pieno di suoni vecchi e copiando canzoni a spada tratta.
    MDNA rules

    RispondiElimina
  61. sei sempre il migliore pop!

    RispondiElimina
  62. Hahahahahaha se questo è il dna di madonna siamo messi bene! State arrivando verso il fondo su questi specchi!

    RispondiElimina
  63. non dite baggianate! la maggior parte dei madonnari ha odiato fin da subito hard candy, io lo trovo carino come disco,all' epoca lo criticai per essersi omologata alla massa e aver pubblicato un disco che era la copia per alcuni tratti di Loose della Furtado..a tutt' oggi sono pochi i pezzi che salvo di quel disco..MDNA e'10 spanne sopra ..e dire che e' senz' anima e' un assurdita'...ci sono molti pezzi autobiografici ...se ad hard candy diedi un 7 , a MDNA do senz' altro un 9 ...

    RispondiElimina
  64. 1) GMAYL è un surf-pop strabiliante.
    2) al pensiero che TUTR invece sia il prossimo singolo mi si accapona la pelle: non so se l'avrei inserita nemmeno nel bonus disc.
    su tutto il resto d'accordo.

    (PS: i versi di beautiful killer sembrano la versione bubble-gum di die another day).

    RispondiElimina
  65. grazie a dio il giudizio sulla musica come su un film come un quadro e direi anche come l'effetto che ha un profumo sulla pelle sono assolutamente e indiscutibilmente personali. per cui leggo sempre le recensioni con grande curiosità' ma con assoluto distacco aspettando di farmi un'idea personale. metto in cuffia e giro per la città', poi si vede.

    RispondiElimina
  66. ho letto ora. beh sono sconvolto. hai dato ai tempi voto 9,dico 9,ribadisco 9 a femme fatale che è un album terrificante di un artista assurda...e dai 7 a madonna? non ci credo? assurdo.

    RispondiElimina
  67. sono piuttosto d'accordo con quasi tutta la recensione, però 7 è un voto davvero troppo basso a mio parere!

    RispondiElimina
  68. Onestamente il voto deve essere rapportato con i voti dati agli altri dischi, concordo sul 7 ma bisogna calare born this way (8,5) e femme fatale....

    Anche io trovo che ci sia qualcosa che nn torni in questo album. Le canzoni sono belle, il suono è curato, ma forse manca un pò di anima e di personalità. Love Spent e Some Girls tra i pezzi migliori, ma anche gang bang, turn up the radio, gmayl, I don't give A...

    RispondiElimina
  69. madonna e la migliore l ultimo album e un capolavoro

    Madonna Ti amo

    RispondiElimina
  70. Album pazzesco! La mia preferita è Beautiful Killer!

    RispondiElimina
  71. :S che recensione da cinesi Pop. Fermo restando quanto hai dato ad altri album eh :S Non sei per niente coerente e oggettivo.

    Trovo l'album molto bello davvero. Per me è da 8.5

    RispondiElimina
  72. E soprattutto, perché la girl è lei e le bitch sono sempre le altre? In questo interrogativo apparentemente futile, si nasconde buona parte della sostanza di MDNA.

    muoio XD

    RispondiElimina
  73. Ho riascoltato FEMME FATALE (il Cd di Britney Spears)
    e la stessa persona che ha dato 7 a MDNA ha dato 9 a FEMME FATALE!

    Diciamo che siamo lontani 2 mondi diversi :-)
    invertirei i voti

    RispondiElimina
  74. Allora l'album è buono e vedendo i voti che hai dato agli altri non ci siamo proprio. O si alzano o si abbassano tutti i voti perché vedere FF e BTW sul 9 fa ridere veramente i polli.

    RispondiElimina

Powered by Blogger.