UPDATE: ecco a voi le foto dall'evento, e un video con la Grandmother Monster.





Alle 21.30 ora italiana Lady Germanotta e sua madre Cynthia presenteranno ufficialmente la loro fondazione umanitaria Born This Way, all'Università di Harvard.
Presenti numerosi politici e star.
Dove vedere l'evento in streaming? Qua sopra, manco a dirlo.
Photobucket Pictures, Images and Photos
Se c'è una cosa che tutti aspettiamo con ansia, per riprenderci dai pareri discordanti su quanto ascoltato finora di MDNA, è un bel pezzo prodotto da William Orbit.
Ecco quindi emergere i primi dettagli su I'm A Sinner, che Madonnarama descrive come un travolgente pezzone pop anni '60, che si apre come Die Another Day e poi si evolve come un incontro tra Beautiful Stranger e Ray Of Light, restando a loro dire comunque fresca e nuova.
Il testo è impegnato e divertente allo stesso tempo, con Madonnaccia che canta delle responsabilità di essere una peccatrice, senza tralasciare il fatto che le piace un sacco.
Nel testo si parla della Bibbia e vengono citati santi random, San Cristoforo, Gesù, Maria.
Insomma, Madgezilla goes clerical. Speriamo solo non ci butti in mezzo Giuda sennò scoppia definitivamente la terza guerra mondiale intergalattica.
Photobucket
Ommioddio! Yetta è ancora viva!
Queste me le ero proprio perse, anche se non sono freschissime: le foto dell'emozionante reunion del cast di La Tata, una delle sitcom più geniali della storia della televisione, stravolta dall'adattamento italiano (non c'era traccia di origini italiane, nell'originale), ma forse uno dei rari casi di traduzione poco fedele ma divertente.
Presto il ricongiungimento del cast diventerà realtà anche sulla TV americana, visto che il 7 marzo inizierà la nuova stagione di Happily Divorced, la nuova sitcom di Fran Drescher, che non è niente di che ma vanterà apparizioni di Charles Shaughnessy (il signor Sheffield) e di Renée Taylor (Zia Assunta).
Insomma, devo dire che si sono mantenuti tutti abbastanza bene. Più o meno. Ma Nails, dov'è?
Photobucket
Photobucket
Photobucket Pictures, Images and Photos
Inutile dire che il ricordo vola subito a Madonnaccia boxeur ai tempi di Hard Candy, ma è comunque di Culona From The Block che stiamo parlando: e il figometro si impenna.
Courtesy of Mario Testino e tanto sano Photoshop. Cliccate qui per l'articolo.




Photobucket Pictures, Images and Photos
Effettivamente, interpretare se stessa sul Grande Schermo le mancava.
Pare proprio che la Regina di Tutte le Galassie apparirà in un cameo in Men in Black III, che uscirà nelle sale il 28 maggio.
A rivelarlo è stato Will Smith, come riportato da Huffington Post, che durante un tour promozionale in Brasile ha dichiarato: "Abbiamo un paio di guest star nel film, ma devono rimanere segrete. Ad esempio, non posso rivelare che ci sarà Lady GaGa".
Insomma, pare proprio che l'atteso debutto cinematografico di Lady Germanotta sia in arrivo, e quale film migliore se non uno in cui si parla di alieni?
Del resto, persino Michael Jackson fece un cameo nel secondo episodio della serie, e Nicole Scherzinger è già confermata nel cast.

Attenzione perché questo è seriamente un capolavoro.
Lil' Kim, stella sofisticata ed elegantissima dell'hip hop di un certo livello, si esibisce in una performance dalla classe incredibile, agitando le chiappe sulle note di Birthday Cake di RiRi.
La seguono a ruota le sue amiche del Club di Lettura. Lei è la seconda dalla sinistra, ma vi inviterei a notare la meraviglia in fondo a destra nella fila.
Questo è il mio concetto di divertimento in discoteca.
E scusatemi, ma tutto ciò è incredibilmente affine alla popslut night di sabato prossimo, perché è esattamente così che vi voglio in pista, mostrando al mondo il vostro lato migliore.
Photobucket
All'inizio doveva essere addirittura Santa Spears l'ospite d'eccezione in Vecchiaccia Gone Wild. Archiviato quel featuring, che pare comunque sia stato registrato quindi chissà, forse prima o poi vedrà la luce, ecco un nuovo rumor relativo al video della canzone: i grandi ospiti potrebbero essere i Kazaky, boyband ucraina (e per un quarto italiana) divenuta negli ultimi tempi un fenomeno di costume grazie al grande seguito internazionale che si sono creati, a partire da YouTube.
Gay che più gay non si può, i Kazaky avrebbero prestato i loro balletti al video del nuovo singolo di Madgezilla, stando almeno a dei prepotenti rumor partiti da Twitter e che ancora non hanno trovato smentita (qui la fonte).
L'idea non mi sembra impossibile: non so perché, ma credo che questi qua starebbero benissimo nel video della canzone.

Il nuovo album di Regina esce il 12 maggio, e si chiama What We Saw From The Cheap Seats. Questo singolo, recuperato da una versione demo di anni fa ma finora mai registrato, su iTunes da oggi, è abbastanza pazzesco. Bentornata.
Photobucket
Ci siamo un po' tutti chiesti come mai Girl Gone Wild, nel giorno della sua stramba uscita solo su Vevo, abbia perso una s nel titolo. Il motivo è presto detto: Joe Francis, fondatore del brand GGW e produttore della serie di video erotici Girls Gone Wild e Guys Gone Wild, ha minacciato la Regina delle Tenebre di farle causa se avesse tentato di rubargli il nome.
Joe Francis ha tuttavia dichiarato ai microfoni di TMZ:
"La casa discografica ha voluto evitare qualsiasi problema legale, ma il nuovo titolo è comunque un'infrazione di copyright dal punto di vista legale, quindi ci stiamo muovendo con i legali della Interscope per risolvere questa situazione".
Insomma, Madonnaccia nei guai con la giustizia per aver rubato il titolo a dei film porno? Ma figuriamoci, uno schiocco d'artiglio e girls gone dead.
Comunque, a poche ore dall'uscita della canzone, ecco un bellissimo giochino al quale vi invito tutti a partecipare. Non sarà sfuggito ai più che nel profondissimo testo del nuovo singolo madonnaccesco si nasconde una moltitudine di "citazioni" puttan-pop. Ecco una lista forse non completa, ma estremamente interessante:

"Oh girls, just wanna have fun" (Cyndi Lauper, ovviamente)

"You got me in the zone" (Santa Spears, Me Against The Music)

"When I hear them 808 drums" (Santa Spears, Break The Ice)

"On the floor till the daylight comes" (J.Lo, On The Floor)

"It's so hypnotic" (J.Lo, Hypnotico, scritta da GaGa)

"DJ play my favorite song, turn me on" (J.Lo, Play)

"Get fired up like smokin' gun" (TampaXtina, You Lost Me)

Comunque, da una canzone originale come un pompino in una darkroom, effettivamente qualche frasetta ripetuta qua e là ci sta benone.
Per non parlare, e questa è la chicca finale, dell'accusa (seppur bonaria) di plagio sferrata dal Twitter ufficiale di Amanda Lear, che accusa Madonnaccia di aver copiato il look di Amooooonda nel video di La Bete et la Belle per la copertina di Girl Gone Wild.
Insomma, non c'è pace per la nostra Madge. Però un consiglio: si sarà anche completamente rincretinita musicalmente, ma evitiamo di iniziare ad accusarla di plagi et similia. Sa ancora incernerire le persone con un semplice sguardo.


E finalmente, eccola. Arriva il lyric video di Girl Gone Wild, che svela al mondo il nuovo singolo di Madonnaccia, quello che ha l'arduo compito di cancellare il flop Give Me All Your Luvin' e riportare l'attenzione sull'imminente MDNA.
Prodotta da Benny Benassi, la canzone prende effettivamente un'altra piega rispetto al brano di Solveig, ma la verità è altrettanto amara: a parte un ritornello estremamente e spudoratamente catchy, si tratta di un'altra pagina che non fa assolutamente onore al nome di Madgezilla, gettando nuova banalità su quello che avrebbe dovuto essere un ritorno in grande stile.
Una canzone da discoteca appena sufficiente, che perde immediatamente fascino se a cantarla è colei che roba del genere, che starebbe meglio in bocca alla cantante dei Cascada filtrata da centosedici vocoder, non l'avrebbe inserita neppure per sbaglio in un Confessions (e questa canzone pare uno scarto degli scarti di quell'album).
Continuiamo ad attendere MDNA, continuiamo a sperare in Orbit, ma le aspettative crollano ancora un po' di più.
Photobucket

Diciamoci la verità: come al solito, Culona From The Block è stata protagonista assoluta della cerimonia di premiazione degli Oscar. Non fosse altro perché lei può permettersi di annunciare un vincitore voltandosi di culo, coadiuvata da una Cameron Diaz più coatta che mai. Epic win.
Per quanto riguarda il resto, cliccate qui per la lista dei vincitori, e qui per il red carpet.
Ma a parte questo sappiamo benissimo che l'unica cosa che conta agli Oscar è a che party vai prima, durante o dopo la premiazione
(in particolare quelli di Vanity Fair e di Elton John). Lo sanno bene le sgualdrine pop e le star TV, che a noi interessano molto di più, e delle quali vi offro una ricca gallery.
E pure quest'anno, 'sti Oscar ce li siamo levati dalle palle.









E per quest'anno, la nostra Nicki Poraccj ha fatto l'en plein di esibizioni live in occasione di eventi sportivi.
Dopo il Super Bowl con Sua Maestà Madonnaccia, eccola performare per l'NBA All-Star, praticamente il Super Bowl del basket. O forse no, non saprei, ma è di sport che stiamo parlando e non voglio documentarmi troppo, fa male alla pelle.
Nicki ci ha regalato una performance di una mosceria inaudita, segno che alla trecentododicesima volta che fai i tuoi versi satanici stile epilessia portami via, inizi anche un po' a rompere le palle.
L'anno prossimo, performer ufficiale del torneo di bocciofila.
Photobucket

Questa notte ovviamente ero stato invitato alla cerimonia di premiazione della Academy Awards, ma alla fine ho preferito restare qui e commentare tutta la favolosa serata degli Oscar con voi.
Lunghissima diretta in web radio a partire da mezzanotte col red carpet per proseguire con tutte le premiazioni, con notizie, commenti, curiosità dallo staff di Movielicious.it, ovvero il sottoscritto e la mia collega Carolina.
Vi basterà premere play qua sopra allo scoccare delle 23.50, e interagire ovviamente qui nei commenti, o su Facebook, o su Twitter. Vi daremo tutti i contatti e i dettagli in diretta, mentre su Movielicious (qui) ci sarà oltre al player anche la diretta video da Los Angeles.
And the Oscar goes to...

Forse è questo il destino di Melciccia, cantare da sola in un salotto. Ma noi ti amiamo, e ti ameremo sempre.
Photobucket Pictures, Images and Photos
Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana, Lady Germanotta non aveva Terry Richardson e Mert & Marcus a fotografarla con della strana roba sulla testa, ma era una coatta qualsiasi affamata di successo che si atteggiava a diva sul pianoforte di casa sua a New York.
Emergono oggi delle emozionanti foto pre-GaGa a opera di Malgorzata Saniewska, allora cameriera polacca collega di Stefani, che avendo il pallino della fotografia realizzò questo servizio dell'amica, allora diciannovenne (era il 2005).
Saniewska racconta di aver incontrato di nuovo Stefani quando era famosa, nell'East Village. "Mi è venuta incontro, abbiamo parlato un po', e mi ha confessato che quello che avevamo fatto insieme era il suo primo photoshoot. Allora ho capito che potevo pubblicarlo, a lei stava bene. E' sempre stata una ragazza coi piedi per terra: anche se famosissima, ha parlato un quarto d'ora con me, ricordava tutto e ricordava il mio nome, era esattamente la stessa persona".
Insomma, a vederla così non pare esattamente la stessa persona, ma come dire: la stoffa (anche se poca) c'era già.