Susan Boiler, la mitica gattara che è salita alla ribalta senza aver avuto manco il tempo di dire: "Micio! Micio!", ha fatto una gran bella figura di merda quest'oggi in TV.
Con il suo album natalizio The Gift, lo ricordiamo, Susan si è rivelata la sgualdrina pop non solo più strafiga ma anche più venduta delle Feste, battendo in classifica gente come Rihanna, Ke$hatta e Maialah Carey.
Ebbene: la vecchiaccia quest'oggi era ospite del seguitissimo talk show USA The View, per cantarci la sua versione di O Holy Night, quando tutt'a un tratto ecco l'imprevisto. O le è tornata su la peperonata al Whiskas, o ha capito che stava cantando dal vivo: fatto è che ha invocato il suo dio, ha fermato tutto, e buonanotte all'asinello!
Non è la prima volta che Susan Boiler dà fuori di matto: la dolce amica dei gatti non ha mai gestito bene il fatto di essere passata da beniamina di tutti i felini del suo paesino in Scozia, a quella di tutte le genti del pianeta. Ma stavolta l'ha fatta proprio grossa.
Mostriamo un'istantanea della reazione di uno dei suoi fedelissimi a questo scivolone televisivo.


Quanti di voi seguono 90210, il nuovo Beverly Hills?
Ok, ok, mi rendo conto che sono l'unico al mondo insieme a un manipolo di sfrante al di là dell'oceano, ma ehi! E' del primo bacio gay tra lo sciupafemmine Teddy e il dolce Ian, che stiamo parlando!
Certo, di solito ogni volta che parte un bacio in 90210 ci sono almeno una mezza dozzina di fermimmagine sulle lingue. Questo invece sarebbe considerato poco meno di un bacio della buonanotte pure in un telefilm Disney, ma insomma. Si vede che ci credono.

Photobucket
La vedete l'espressione sorniona di Madonnaccia? Ok, l'espressione è quell'impercettibile ghigno che si fa strada tra il botox sulla sua bocca. Ok, la bocca e quella tra i due palloncini di poliuretano al titano al posto delle gote. Ok, le gote... Ooooooh, ci siamo capiti.
Ecco a voi la Vegliarda delle Tenebre all'inaugurazione della sua prima palestra Hard Candy Fitness a Città del Messico, ieri.
Gli esseri umani continuano a dimostrarsi una specie stupida come poche, avallando questo nuovo progetto di raccolta di carne umana da parte di Madgezilla. Voglio dire: ti fai la tessera alla tua palestra Hard Candy, ti metti i tuoi scaldamuscoli rosa e il tuo body à la Hung Up, vai tutto contento pensando di fare ginnastica, e ti ritrovi in una prigione sotterranea per essere trasformato in un drink per la Regina delle Tenebre!
Che poi diciamocelo, voi vi iscrivereste a un fitness center che ha come testimonial una vecchia tutta rifatta, vestita da cretina? E' come se Penis Hilton inaugurasse un negozio di imeni, a mio vedere.
UPDATE: Giungono anche alcune immagini dalla lezione di prova concessa da Madonnaccia per l'apertura della palestra. La cui tariffa, vengo a scoprire, è di 830 dollari per iscrizione e primi due mesi, e poi di 160 dollari al mese.
Una robetta alla portata delle tasche di tutti. Ma ahò, credete che tenere in piedi un Regno delle Tenebre sia una cosa da due spicci?



Photobucket
La vedete questa faccia? O almeno, quello che rimane di una faccia? Ebbene, è il volto della verità!
La favolosa detective di fama internazionale La Toya Jackson è venuta a trovarci in Europa per arrivare in fondo a qualche storia, e al grido di: "O Francia o Spagna, purché se magna", ha scelto la seconda, presenziando come madrina all'importantissima Fiera Internazionale del Cavallo a Siviglia.
Pazzesca! Tutta bella vestita da E.T. che va a ballare il flamenco, la nostra Detective La Toya ha aggiunto un'altra importantissima presenza al suo ricco curriculum di feste e sagre.
Oltre alla graziosa apparizione accanto a lei della favolosa Duquesa De Alba, bisogna notare che per prepararsi all'arrivo di La Toya alla Fiera Internazionale del Cavallo hanno messo dei cavalli di cartone.
Fortuna che lei continua a baciarli come se fossero veri: del resto, sapreste dire chi sia più di cartone tra lei e l'equino?




Allora, oggi andiamo a illustrare come si compone una perfetta canzone rapper featuring sgualdrina: si prende un bel frullatore, poi ci si mettono dentro quattro terzi di Stan di Eminem e Dido, un terzo di Eminem e Rihanna, un quarto di Eminem, una poraccia a caso.
Senza dimenticare un ritornello accattivante e ben cantato, che è l'unica cosa che ti rimarrà in testa dell'inutile, lunghissima canzone rappata.
Et voilà! Il gioco è fatto.


Bastaaaaa! Tutte queste sgualdrine che continuano a rubare il Natale a Maialah Carey se ne aprrofittano, sapendo bene che prima di potersi alzare per andare a stanarle la dolce Mimi dovrebbe chiamare una gru a trazione atomica.
Oggi è il turno della gnoma Kylie, che però devo dire ha scelto una canzoncina che ho sempre adorato.
E ci sta bene, visto che ieri sera ho mangiato il mio primo torrone. E quando dico il mio primo torrone, non intendo una fetta.


Diciamo anche che la divina Robyn, prima di scegliere i singoli, deve sniffarsi forte della Coccoina.
Dancehall Queen era in Body Talk Pt.1, poi ripreso con il remix di Diplo in Body Talk, che non è Body Talk Pt.3 ma si tratta dell'album summa di tutti e tre questi mini dischi.
Insomma, non ci abbiamo capito una ceppa, ma è tempo di gustarsi un video made in Japan che ok, è inutile, ma è terribilmente indie, cool, snob, pazzesco.


Non sembra neanche un vero e proprio video, anche perché è stato palesemente girato con un cellulare dopo che Maialah ci si era seduta sopra, ma tutto ciò ci proietta ancora di più nello spirito del Natale!
Il duetto tra Patricia e Mimi Carey, madre e figlia, sulle note di Oh Come All Ye Faithful, è commovente quanto basta per farci desiderare immediatamente una fetta di pandoro pastellata e fritta.
Tra cani vestiti da Santa Claus, tette giganti, smarmellamenti vari e acuti che faranno morire di crepacuore gli elfi di Babbo Natale, possiamo solo dire che Maialah resta l'imbattuta Regina delle Feste.

Photobucket
Trascorso il weekend, è finalmente arrivato il momento di sederci comodi e affrontare una questione che ci stava qui un po' a tutti: dopo i primi risultati del suo film Burlesque, conosciuto anche come Glitter 2 ma anche (e soprattutto) come La mia ultima fottutissima spiaggia, Christaccia Aguilera può definitivamente buttare la propria carriera al cesso?
Ebbene ebbene, nonostante io sia stato il primo a predire il fallimento della pellicola al box office, per il momento
Glitter 2 ha ottenuto risultati più che soddisfacenti!
Lo sentite quel rumorino in sottofondo, ora nelle vostre orecchie? E' Xtina che, dall'altra parte dell'oceano, se la ride della grossa!
Uscito nel periodo del Ringraziamento, che è l'ideale per lanciare i film visto che tutti gli Yankee si riversano al cinema,
Burlesque ha incassato in cinque giorni 17.2 milioni di dollari, posizionandosi al quarto posto nella classifica dei più visti dietro a Harry Potter, Rapunzel e Megamind.
Insomma, un risultato che non è sconcertante, ma di sicuro non un fallimento per il duo Chertina.
Per chi ama i numeri,
Glitter 2 si è rivelato essere il film con il maggiore incasso d'apertura nella storia di Cher, e considerato che si parla di secoli e secoli di carriera è un ottimo risultato. Non solo: il film è settimo nella classifica globale totale dei musical con il miglior incasso nel weekend di lancio.
Ci aggiungerei anche che il tanto bistrattato
Crossroads di Santa Spears ha fatto quattordici milioni di incasso solo nel primo weekend (due giorni), ma fare paragoni è stupido (però ci piace).
Insomma, ora bisogna solo vedere se dopo la prima ondata di checche fraciche accorse al cinema, il passaparola aumenterà o diminuirà l'affluenza in sala per
Burlesque (alcune recensioni sono disastrose, e il film ha una media di 49/100 su Metacritic.com): le previsioni dicono in realtà che il film in USA incasserà a malapena ciò che è costato, cinquanta milioni.
Tuttavia, considerando anche la colonna sonora prima su iTunes, non si può assolutamente parlare di flop totale globale per Fat-tina.
Questo dimostra che minacciare di leccare fighe e battersi ogni show televisivo d'America funziona ancora, e che potete baciare il culo di Christaccia. Ricordatevi l'antitetanica, prima.

Photobucket
Ne danno il triste annuncio la poracciaggine e il culo a plafoniera!
No, per carità: c'è un motivo per cui la bella Kim è stesa in una bara con un vestito di strass, adagiata come la bella addormentata nel bosco: fa parte di una splendida idea, ossia sparire completamente da Twitter e Facebook fino a quando non verrà raccolto un milione di dollari per l'organizzazione Keep A Child Alive. Il tutto in occasione della giornata mondiale contro l'HIV, il primo dicembre.
Praticamente, se volete resuscitare la vita digitale di Kim, dovrete pagare. Ora voglio dire, l'intento è molto nobile, ma siamo sicuri che funzionerà? Non sarebbe stato meglio minacciare che avrebbe scritto un Tweet ogni cinque minuti? Ah, giusto. E' quello che fa normalmente.
Kim non è sola in questa lotta: con lei gente del calibro di sua sorella Khloe, Giustino Timberlake, Lady Germanotta, Usher, Jennifer Hudson e tanti altri.
Ok, ok. Mi sono perso qualcosa. Da quando essere su Twitter è così importante che basta minacciare di uscirne per raccogliere un milione di dollari? Bah.
Dal canto mio, resterò sul mio profilo Twitter anche dopodomani, magari scrivendo un po' di info utili per donare e partecipare alla giornata mondiale contro l'AIDS.


Occhio perché sto per donarvi qualcosa che darà al vostro lunedì mattina la pena di essere vissuto: ecco a voi, integrale, lo speciale mandato in onda dalla ABC sul tour di Sasha Fierce!
Più di un'ora di contenuti mai visti, con canzoni, interviste e tutto. Naturalmente in attesa del DVD, che uscirà domani e conterrà questo e altro.
Ma io dico, ma dove altro le trovate queste perle? Dove?


Come ho potuto finora bistrattare Keri Hilson? Ma soprattutto, chi è Keri Hilson?
Miscredenti che non siete altro! Keri è una grandissima del puttan-pop, tra l'altro autrice di molti pezzi in Blackout di Santa Spears!
Ma vogliamo parlare di questo video? Non solo è inutile e puttanesco come pochi, ma è impreziosito dalla presenza di Jojo, indimenticata macrocefala degli anni '90.


"It's only a couple, most of it's sledge hammering dance beats... but there's.. I'm still deciding, the album could be longer than you would imagine, or it could, I'm not sure. I can't decide really because I think that times are different, you know. It used to be kind of a faux pas to but out too much music on your album, but I feel like you guys deserve all of the records I do, cos I work hard on them. So who knows, you might get like 20 new GaGa songs".
Lady Germanotta è tornata a parlare del suo prossimo album in Polonia, rivelando ai Terrestri accorsi a vederla che il suo Born This Way potrebbe contenere la bellezza di venti tracce.
Cert'è che il nuovo disco sarà quello della verità per Stefani, e deciderà una volta per tutte se sarà lei la prossima dominatrice del mondo, mentre Madonnaccia già accarezza l'idea di una guerra totale globale tra la sua Armata delle Tenebre e i Germanotti.
Venti tracce sono troppe? Diciamoci la verità: per una come lei, forse sono anche poche.


La nostra adorata Rihanna, anna, anna ci mostra ancora una volta che cosa significhi essere una donna di grande classe al giorno d'oggi.
Eccola distesa tra le rose mentre ci mostra la parte migliore di sé. Voglio dire, ci manca solo una freccia con su scritto: "Voi siete qui".



Lo aveva detto su Twitter, ed essendo una Santa di parola l'ha fatto.
Britney ha trascorso il giorno del ringraziamento a Kentwood, praticamente la Nazareth del puttan-pop. Con lei, oltre ai Santini, c'era anche il consorte Jason, la mamma, e il papà (che tra l'altro, di recente, si sono riappacificati dopo anni di separazione).
Riuscite a immaginare che meraviglia? Tutti riuniti sulla veranda più brutta della storia delle verande, a mangiare insieme il classico tacchino al Lexotan.






Ieri, manco a dirlo, era il giorno del Ringraziamento in quel di Yankeelandia.
Come sempre, le strade di New York sono state invase dalla festosa parata sponsorizzata da Macy's, che tra le altre cosa dà ufficialmente il via alla follia natalizia a stelle e strisce.
E chi si è esibito sui carri per l'occasione? Be', in primis Jessicona Simpson, che ha cantato la sua inutile canzone di Natale. E in secundis Kanye West, che si era vestito come una vera gattara delle feste.


Fan di Ke$hatta che state leggendo queste righe, ve lo dirò con le buone: per tutte le strafottutissime ceppe, volete fare la fine della checca fracica che si intravede al minuto 1:55 di questo tremendo live? Essù.
E comunque, questa c'ha pure lo scheletro dietro. La differenza tra lei e Nevruz di Tatangelo Factor si assottiglia sempre di più.


Incontro al vertice per l'accensione delle luci di Natale al Rockefeller Center di New York: Maialah Carey ha incontrato Snoopy, circondata dai paparazzi che volevano immortalare lo storico meeting.
Sembra che i due abbiano disquisito a lungo degli argomenti più disparati, e che Mimi abbia persino invitato Snoopy a collabrorare a un suo prossimo pezzo. Pare addirittura che Snoopy potrebbe essere il padrino del bimbo che Maialah partorirà tra un paio di annetti. Laddove, manco a dirlo, la madrina sarà Hello Kitty.


Pure io voglio un televisore che si chiama Vizio!
E comunque il tipo è troppo un coglione. Sia che tu sia etero, sia che tu sia gay, se preferisci uno schermo a Sasha Fierce in carne e ossa be', meriti le fiamme dell'Inferno.


A parte il fatto che avere un singolo in uscita che si chiama esattamente come quello dei Take That non mi sembra una grandissima idea, ma vabbè.
La Cherry Coke, in questo clip, non vi sembra dannatamente uguale ad Anna Tatangelo? Voglio dire, ci mancava un amico frocio e pure il video non sarebbe stato tanto diverso da uno di quelli di Lady Tata.



A guardarla ieri sera a Dancing With The Stars, non si capisce bene se la nostra Christaccia Aguilera si stia battendo tutte le trasmissioni televisive americane per promuovere il suo film Glitter 2, o semplicemente per ripromuovere se stessa. O magari è diventata lo sponsor ufficiale dello strutto?
Anyway, difficile spiegare l'ennesima e del tutto immotivata performance di Beautiful, più strillata e sopra le righe che mai.
Un'artista che, con questa overdose di comparsate, dimostra drammaticamente di essere sull'orlo del precipizio. Affidare tutta una carriera a un film che apparentemente sembra la cagata dell'anno be', magari non è stata proprio un'idea saggia.


L'unica esibizione davvero da brividi in tredici puntate di Tatangelo Factor: sarà che è una delle mie canzoni preferite di sempre, ma Nathalie e Skin su You Follow Me Down sono state semplicemente pazzesche, aprendo la strada a una vittoria meritatissima.
In altre parole, la prima vincitrice di X Factor ad essersi meritata davvero il trionfo.
Il suo inedito è decisamente ottimo, a parte un testo un po' pretenziosetto. Grandissima delusione Davide, ma non è colpa sua: voi avete uno che sembra Zac Efron ma sa cantare, e invece di farlo diventare una popstar gli date la solita canzonetta da musica leggera italiota, per giunta made in Francesco Renga? L'ennesima dimostrazione che il pop in Italia non esiste.
Sono felice che si sia sgonfiata la bolla Nevruz, che a conti fatti era proprio insopportabile e mi ricordava fin troppo Ke$hatta.



Sincronizzate i vostri cafonometri, perché i Black Eyed Truzzi sono tornati!
Ecco a voi il video che distruggerà ogni vostro ricordo d'infanzia migliore: non solo Dirty Dancing, ma pure i Lego.
Il primo che riesce a trovare tutte le marchette nascoste nel video (l'HP Slate? Poracci) non vince niente.


No, un attimo. Stiamo forse scherzando? Che cos'è questa robaccia?
Come tutti ben sappiamo,
Mean Girls è il miglior film della storia del cinema. E non lo dico io, semmai le vocine nel mio cervello.
Fatto è che ora le meravigliose avventure di Regina George e compagne verranno infangate da questo ignobile seguito, che uscirà direttamente in DVD, e che in comune con l'originale ha solamente il preside del liceo.
Sapete che cosa penso? Credo che Lindsay Lohan dovrebbe prendere in mano la situazione, ubriacarsi ben bene, salire sulla propria jeep e andare a caccia di chi ha permesso che questo abominio prendesse forma.


Auguri, Puttanah Montana! La nostra adorata Miley compie oggi la bellezza di diciotto anni, il che significa che in buona parte del mondo adesso è maggiorenne!
Questo fatto segnerà inevitabilmente l'esplosione definitiva della sua sgualdrinaggine: una roba da apocalisse della mignottaggine, che potrebbe offuscare i Maya e le loro fregnacce sul 2012.
Un paio di sere fa, però, quando era ancora una diciassettene, Puttanah si è concessa un pre-party, subito dopo gli AMA. E indovinate come l'ha trascorso, a parte sorridere in modo falso accanto a Demi Moore? Esatto: paccando selvaggiamente con un tizio!
Come dimostrano inequivocabilmente queste foto, Puttanah Montana sa benissimo come festeggiare: chi ha bisogno di candeline quando si può avere un petardo?




Ebbrava Christaccia! Anche stavolta il suo rossetto la precede, ma la vera grande novità è che subito dietro c'è lei che tiene la mano del suo nuovo uomo, evidentemente già bell'e riconsolata dal divorzio che quasi quasi l'aveva fatta diventare una leccamicia.
Il nuovo amore di Xtina si chiama Matthew Rutler, e i due sarebbero diventati amici mesi fa sul set di Burlesque (dove Matthew faceva l'assistente). Dopo la separazione di Christaccia dal marito, l'amicizia sembra che si sia trasformata in qualcosa di più.
Eccerto, dicono tutti così! Queste si chiamano corna, what else?


Sabato sera ero a sorbirmi Harry Potter per la seconda volta, in modo da far contento la mia dolce metà, quando parte un trailer che non avrei mai voluto vedere. Trattavasi di A Natale mi sposo, nuova porcata del genere cinepanettone all'italiana che vabbè, è un po' come la calvizie: la cura l'hanno scoperta da tempo, ma fa comodo tenerla nascosta.
E insomma, mentre sullo schermo si avvicendavano esilaranti scene a base di Massimo Boldi e Massimo Ceccherini, con una spruzzata di Elisabetta Clooney, a un tratto parte la sequenza che qui potrete gustare dal minuto 1:34.
Io e G. ci guardiamo esterrefatti, mentre la sala esplode in una fragorosa risata.
Ora, magari la scena in questione è fraintendibile perché vista fuori contesto, e forse bisognerebbe vedere tutto il film per capirla, ma magari anche no: non serve avere anche un solo neurone in funzione per capire che sì, trattasi proprio di una simpatica scenetta che scherzosamente ci offre un bello spaccato dell'Italietta di oggi.
Se è vero che i cinepanettoni sono lo specchio della società, e considerato quanta gente va a vederli mi sa proprio che è così, questo dimostra ancora una volta quale sia l'amara realtà. Altro che diritti, altro che lotta LGBT. Per l'Italia delle masse, quella vera, quella che va a votare, i froci sono ancora una macchietta da "spalle al muro", sono Jonathan del
Grande Fratello (al quale auguro di risvegliarsi freddo, domattina), sono una realtà distante perché "daje, la Santanché c'ha raggione, ma chi lo vole un fijo frocio?".
Non so, magari è un post inutile. Ma dopo aver visto questa roba, non ho potuto fare a meno di pensare: perché ogni volta che uno inizia a credere in un futuro migliore anche in questo Paese, arriva qualcosa a ricordarci che siamo senza speranza?


Sembra l'inizio di una barzelletta che nessuno vorrebbe ascoltare, o peggio ancora di uno di quei porno che deviano irremediabilmente la sessualità e il cui ricordo è destinato a tormentarti per sempre.
Invece, è solamente una foto random di Jacko emersa da non si sa dove. Il re del pop, una bottiglia di vodka, e due nanette dal set di
Captain EO.
Sono questi gli inediti di Jacko che vogliamo, si fottano le canzoni finte e i cofanetti che non servono a nulla! Vogliamo Michael in uno strip club a cavallo di una giraffa rosa! Vogliamo Jacko vestito da Barney il dinosauro mentre infila Bubbles lo scimpanzé in una lavatrice a gettoni! Vogliamo La Toya nel cestino di una bicicletta volante che si staglia contro la luna!


Seratona esplosiva agli American Music Awards ieri sera, per tre ore di premi e performance di altissimo livello. Oddio, magari altissimo no, ma è stato un puttanaio coi fiocchi!
In primis grazie a Christaccia Aguilera, che ci ha regalato una bella esibizione troieggiante come non ne faceva da tempo. Una caciara assurda, ma se non altro era palesemente a suo agio.
Assolutamente meravigliosa Puttanah Montana, che si rivela l'unica sgualdrinaccia con un certo gusto ad aver portato una sua canzone sul palco ieri sera. Cosa che non si può dire di Rihannona, tutta confezionata come l'ultima delle mignotte di Viale Togliatti, col solito rouge menopausa in testa ma stavolta impreziosito da una meravigliosa permanente.
Katy Perry, che dire? Poverina. E vogliamo dire qualcosa anche a Ke$hatta? La tua imitazione di Lady Germanotta è stata più scarsa del solito, honey.
By the way, tra i vincitori segnaliamo appunto l'immarcescibile GaGa come miglior artista donna, Justin Biberon come miglior uomo (?!) e miglior artista, Rihanna miglior cantante soul/R&B. Cliccate qui per tutti i vincitori.











Mentre l'Italia si appresta ad acclamare la vittoria di Nevruz, che praticamente è come Ke$hatta solo che non è pop (quindi ancora peggio), ecco che vi mostro con piacere un nuovo photoshoot dell'unico vincitore di X Factor (UK) che valga la pena ricordare.
Shayne Ward si riconferma etero (dice lui), ma fa l'amicone dei froci su Gay Times. E bravo!



Matte risate tra Christaccia Aguilera e Cher, con quest'ultima che rischia più e più volte di sgarrarsi la mascella con movimenti inconsulti (ossia aprirla troppo, nel suo caso).
Iniziate la domenica (per me è iniziata adesso, oh) con questa imperdibile intervista reciproca tra le due star di Glitter 2. Xtina, tu sembri comunque la più vecchia. Giusto per ricordartelo.


Devo fare i miei complimenti a Kylie, perché le atmosfere à la Takashi Murakami e i richiami ai videogiochi d'annata mi hanno tenuto attento per circa trenta secondi.
Poi, purtroppo, come sempre mi capita con questa diva tascabile ultimamente, la noia è arrivata a farmi tap tap sulla spalla.
Brava, che bella canzoncina, eh però lei ha sempre stile. Yawn.


La talentuosissima Ke$hatta ha fatto una scoperta epocale: quando non ti lavi i capelli per settimane, poi come li metti stanno!
Ormai ho smesso di chiedermi: "Perché?". Sono passato a un più mesto: "Quando finirà?".

Quest'oggi parliamo nientepopdimenoché di Mister Universe Model 2010, dal nome impronunciabile ma dal commento facile: "Bonooooo!".
Tarik ha vent'anni, viene da Sarajevo, e prima di vincere il titolo di miglior modello dell'universo è stato ovviamente Mister Bosnia-Erzegovina.
Direi un tipico esponente del genere "tamarro ma bonissimo".