C'era, c'era. Ieri sera The Legendary Miss Britney Spears ha graziato il frociaio più famoso di Londra, il G-A-Y, concedendosi solamente dalla balconata del privè, senza esibirsi.
Le checche che sono state ammesse hanno dovuto strapparsi le extension tra loro per ottenere l'agognato Britney pass, ma solo in questo modo hanno potuto lasciarsi andare a scene isteriche, ammirando Santa Spears dal basso.
Roba che io mi sarei attaccato al muro tipo Spider-Man, pur di raggiungerla.
A parte che Britney sembra più scazzata di me al privè di Muccassassina venerdì scorso (almeno fino a quando non è arrivata l'immensa Lucia Ocone), trovo meraviglioso il momento della torta e dell'happy birthday (il 2 dicembre la divina compie ventisette anni).
Notare come Brit soffia e poi inizia immediatamente a togliere le candeline, come a dire:
"Daje brutti froci, sbrighiamoci che io devo andare a casa mia". Dio, se la adoro.




Blake, il marito di Testa di Crack, è un tossico che sa prendersi le proprie responsabilità.
In un'intervista shock concessa a News of The World direttamente dal rehab nel quale è rinchiuso, ha ammesso di essere la causa dello stato pietoso di Amy.
"Ho trascinato Amy in tutto questo, e se non ci fossi stato io non avrebbe sicuramente preso questa strada. Ho rovinato qualcosa di meraviglioso", ha detto Blake tra le lacrime. Ah, il potere della cocaina cristallizzata.
"Ora devo lasciarla andare, per salvare la sua vita", continua. "Non la sto abbandonando. Lo sto facendo per amore".
Cazzo, ma questa è la storia più romantica che abbia mai sentito. Due fattoni che si lasciano per amore. O per non dover più dividersi le pasticche, la polvere, i cristalli e il fumo?
Testa di Crack, che nel frattempo ha avviato le pratiche per il divorzio, era praticamente una santa prima che Blake costruisse con lei il loro nido d'amore e stupefacenti. Nell'intervista, il Marito di Crack afferma che Amy ha iniziato a prendere la cocaina perché lo faceva lui, ha iniziato a sfregiarsi le braccia perché lo faceva lui, ha bevuto qualsiasi cosa perché lo faceva lui, e in più gli ha anche messo le corna con l'assistente del suo manager perché... lo faceva lui? Mah, questo non è chiaro.
Blake ci racconta che prima di conoscerlo, Testa di Crack era un candido fiore che
"fumava solamente erba".
Oddio. Non riesco a immaginare Amy che si fa solamente d'erba. E' come figurarsi Madonnaccia che beve l'acqua del rubinetto.
Comunque, poca ironia. Uno dei più grandi amori del nostro secolo sta finendo, e niente sarà più come prima. Credo che oggi, in Colombia, sia lutto nazionale.

Senza cappello! Senza cerchio infuocato! Senza gabbiapalla! Senza culotte contenitiva! E poi, non è neppure andata al G-A-Y.
L'ultima esibizione TV del tour promozionale di Santa Spears in Europa, quella all'X Factor inglese, è stata sorprendentemente la più scarna e la meno riuscita del tris.

The Legendary Miss Britney Spears ha una fretta totale di farla finita e tornarsene a casa, e scalpita come manco Puttanah Montana quando sente odore di ceppa.
E a proposito di Puttanah Montana, cliccate qui se volete farvi del male e guardare la sgualdrinella anche lei a X Factor, ospite della stessa puntata.
Io la capisco, la fretta di Brit. Voglio dire: sarà l'aria, sarà l'acqua, sarà qualcosa nelle materie prime... ma in Europa, il Frappuccino non è assolutamente all'altezza di quello americano.
E anche stavolta, Santa Spears ci regala un momento di delizioso stordimento a fine performance. Regge quasi bene, e ringrazia calorosamente per la standing ovation (che poi potrebbero anche piantarla di trattarla così. Sembra che applaudano a una paralitica che finalmente riesce a camminare).
Interagisce col presentatore, mette persino insieme un paio di frasi di senso compiuto, poi saluta e... non sa da dove uscire. Le viene indicato, lei si incammina, ma si gira ancora una volta per essere sicura di aver capito bene.
Questa sì che è un'uscita di classe, Brit. E del resto, hai ragione. Tu non dovresti andar via dal lato del palco, come una sciacquetta qualunque.
Chessò, potresti ascendere direttamente alle sfere celesti dalle quali provieni, o pretendere che una limo ti prelevi in studio.
Ma l'Europa, diciamocelo, non è abbastanza avanti per te.

UPDATE: a quanto pare, Britney è effettivamente andata al G-A-Y, storica serata frocia di Londra. Ma la ressa era talmente tanta che l'esibizione sul palco è stata annullata per norme di sicurezza, e Brit ha ricevuto pochissime persone, a gruppetti, nell'area VIP.
Tutto questo prima di mezzanotte, visto che ha poi preso immediatamente l'aereo per tornare a Los Angeles. Qui tutta la storia.

Chi l'avrebbe mai detto, che in questo noiosissimo sabato di lavoro e cazzeggio online avrei trovato anche il tempo di innamorarmi?
Bernardo Velasco ha ventidue anni, è brasiliano, ed è il ragazzo del mese su The Boy.
E per quanto mi riguarda, è ufficialmente in lizza per entrare a far parte del mio personalissimo harem.














Chissà perché le immagini di sciacquette completamente ubriache mi mettono così tanto di buonumore. Sarà che mi caricano per la serata?
Che carina però, Avril Lavigne. La schiaffeggerei con l'artiglio gioiello di Beyoncé.


Da rocker scatenata su Rolling Stone a donna eterea ed elegante anche in mutande e camicia su Glamour. The Legendary Miss Britney Spears conosce il significato della parola versatile, contrariamente alla maggior parte dei froci che tanto la adorano.
Ho pensato di farvi cosa gradita arricchendo la sovraesposizione a Britney che impera su popslut in questi giorni: eccovi gli scan dell'articolo su Santa Spears dal magazine per sgualdrine più chic del mondo.
Allargate le foto e leggete, e scoprirete un sacco di realtà illuminanti. Tra le altre, veniamo a sapere che Brit odia i locali e le discoteche, preferisce stare a casa a guardare Sex and The City o a leggere un bel libro di Danielle Steel, e detesta la palestra con tutto il cuore.
Praticamente sono io, se sostituite Danielle Steel con gli Harmony della collana Sensual (quelli dove si parla sempre di membri turgidi).





E' da un po' che non parlo di quel coacervo di sgualdrine sfigate e professoresse troie che risponde al nome di 90210, il nuovo Beverly Hills.
In realtà, dopo un inizio scoppiettante a base di Brenda Walsh, la serie si è ridotta a una specie di Primi Baci con protagonisti ancora più sfigati, il tutto mentre Blair Waldorf di Gossip Girl diventava ufficialmente la mia nuova puttanella televisiva preferita.
Tuttavia, il riscatto di 90210 potrebbe essere molto più vicino di quanto si creda: un personaggio chiave sta per fare ritorno nella serie, per graziarla con la sua personalità strabordante e le mille sfaccettature del proprio character. Donna Martin! Donna Martin!
Voglio dire. Se questi sperano di risollevare il telefilm con quello scafandro senza collo di Tori Spelling, chi richiameranno dopo? La tazza del cesso originale del Peach Pit? Eccheccazzo.
Anyway, la versione cartacea di
Star Magazine rivela che il ritorno di Tori a Beverly Hills è ormai cosa certa, e che i suoi agenti stanno discutendo dei dettagli economici con la produzione.
Ovvero: è Tori che pagherà la rete televisiva pur di tornare in TV.
A questo punto, io mi rimetto alla Divina Brenda Walsh. Vogliamo che la furia della più grossa troia che abbia mai calcato i palcoscenici si abbatta su quella ritardata di Donna Martin, e ce la tolga per sempre da davanti agli occhi!
Oppure, ho un'idea migliore: potrebbe tornare anche la mitica Valerie, e vendicarsi degli antichi torti subiti. Quali? Date un'occhiata qua sotto. Che poi, quanto cazzo è Geri Halliwell, Valerie?


L'ondata di Frappuccino che ha investito l'Europa si è spostata a Parigi, dove Britney si è appena esibita graziando la puntata odierna di Star Academy, la versione francese di X Factor.
L'esibizione è stata solo in parte la fotocopia di quella di ieri, visto che The Legendary Miss Britney Spears ha sfoggiato una chioma liscia, un vestito decisamente migliore della maschera da Madonnaccia, e soprattutto una scioltezza nei movimenti giusto un filo più pronunciata.
E finalmente, per la prima volta da tempo, si è trovata di fronte a un pubblico che giustamente l'ha acclamata idolatrandola, e non tra vecchi rincoglioniti come ieri.
Performance mistica. Tuttavia, il momento del video che dovete vedere con più attenzione è il finale. Dopo aver cantato, Santa Spears scende dalla gabbiapalla e saluta il presentatore, sorridendo fissa. Lui le dà dei fiori, e lei sorride. Lui le fa i complimenti per l'album già al primo posto, e lei sorride. Lui le dice che ha tanta energia, e lei sta ancora sorridendo per quello che ha detto prima, o forse ha una paresi.
Dopodiché arrivano i concorrenti del talent show, le si schierano davanti, il presentatore le chiede di augurare loro buona fortuna perché vogliono fare il suo stesso mestiere. Lei rimane interdetta dalla complessità del concetto (o dalla pronuncia francese?), e si vede che non ha minimamente capito.
Quando afferra, biascica un "good luck" totalmente disinteressato e più falso del lesbismo di Lindsay Lohan, e si affretta ad andarsene.
Io lo so che è il Lexotan sciolto nel Frappuccino a comportarsi così per lei, ma sono un filo preoccupato. Non è che questa domani, a X Factor, ci si accascia sul palco?
Consoliamoci con il medley delle canzoni di Brit che i concorrenti di Star Academy le hanno dedicato. Adoro la pronuncia:
"Himmì bebì uon motaìm!".

Iniziamo il nostro weekend con questa deliziosa visione in muscoli e mutande firmate, che ne dite?
Jon Cossu ha soltanto diciannove anni e viene dalla minuscola Strongville, in Ohio. Qui potete leggere una sua intervista, dove scopriamo che oltre a essere maledettamente manzo, è anche un ragazzo d'oro.
Che dire? Un delizioso bon-bon tutto da scartare... Ok, la pianto prima di sembrare uno di quei vecchi bavosi con la Spider e il riporto.